Contenuto sponsorizzato

Paccher attacca Tenna per la “mozione contro la Vadastico”. Perinelli: “Nel documento nemmeno è nominata. Sono progetti a tutela della Valsugana e dei laghi”

Il consigliere leghista Roberto Paccher ha accusato che la mozione approvata all’unanimità il 17 gennaio dal Comune di Tenna fosse “un documento contro la Valdastico”. In realtà al suo interno vengono presentati progetti, e preoccupazioni, a tutela del territorio e la messa in sicurezza della Ss47 nell’area laghi. Perinelli: “Se Paccher avesse letto la mozione l’avrebbe trovata condivisibile”

 

Di Francesca Cristoforetti - 23 January 2022 - 17:39

TRENTO. Sembra essere più un attacco personale quello del consigliere provinciale leghista Roberto Paccher nei confronti del sindaco di Tenna, Marco Nicolo Perinelli. Il consigliere ha accusato infatti che la mozione approvata all’unanimità il 17 gennaio scorso dal Comune di Tenna fosse “un documento contro la Valdastico”, quando in realtà al suo interno vengono presentati soltanto “una serie di progetti a tutela del territorio della Valsugana, in particolare della zona laghi di Caldonazzo e Levico”.

 

Il Consiglio comunale di Tenna non ha detto di no alla Valdastico. L’ex Presidente del Consiglio regionale Paccher dovrebbe leggere la mozione prima di prendere posizioni contro una espressione di un Consiglio comunale”: risponde così il sindaco Perinelli alle dichiarazioni del consigliere provinciale.

“Apprendo che Paccher ha preso una posizione personale – prosegue il sindaco – sulla mozione del Consiglio comunale di Tenna, dando una propria sbagliata versione alla stampa. Innanzitutto va detto che la mozione in oggetto non è contro la Valdastico, come per altro specificato sia da maggioranza, sia da minoranza, ma chiede soluzioni concrete per la nostra valle, sfregiata da una arteria sempre più pericolosa, la Ss47”.

Paccher infatti aveva accusato il Comune che, a suo parere, attraverso questo documento sembrava mostrarsi contrario all’autostrada della Valdastico: “Non capisco il significato che ha assunto la mozione discussa – dichiarava – e approvata nel corso della settimana a Tenna la quale, da documento in cui semplicemente si ribadiva l’importanza della risoluzione dei problemi relativi alla viabilità in Valsugana, si è presto trasformata in un documento contro la Valdastico”.

 

L’ex presidente del Consiglio regionale aveva quindi accusato il primo cittadino di Tenna, “ci troviamo di fronte a una chiave di lettura appositamente faziosa – ha sostenuto Paccher – e sconcertano, a riguardo, le parole del sindaco Marco Perinelli che in tal modo ha dato supporto al Sindaco di Rovereto Valduga, contrario in modo preconcetto a qualsiasi ipotesi di completamento della Valdastico. Il tutto, ovvero incitare a una politica dei no, al solo scopo di avvantaggiare singoli individui o i singoli partiti, danneggiando così il bene primario a cui un politico dovrebbe innanzitutto guardare: la comunità”.

 

La posizione del sindaco sarebbe, secondo Paccher, “quanto mai singolare – ha dichiarato – e sembra che in questa circostanza abbia voluto assecondare la posizione del sindaco di Rovereto (presso il quale lavora) mettendo in secondo piano le problematiche della Valsugana che sono note a tutti. Nel recente passato le Amministrazioni comunali dell’Alta e Bassa Valsugana si sono sempre espresse a favore della realizzazione della Valdastico al fine di ridurre parte del traffico sulla Ss47. Uscite un po’ strampalate, come quelle a cui abbiamo dovuto assistere in questi giorni, possono finire per danneggiare la Valsugana che in assenza di tale opera continuerà a pagare, da sola e per tutti il crescente aumento del traffico”.

 

Non si è fatta attendere l’immediata risposta di Perinelli che ribadisce il fatto di non essere contrario a prescindere alla Valdastico: nella mozione vengono espresse “preoccupazioni riguardo alcuni interventi legati a essa, ma più che altro la messa in sicurezza della Ss47 della Valsugana nell’area laghi”, due progetti che “non devono essere alternativi, ma complementari”, come viene scritto nel documento.

 

“Personalmente – ha dichiarato il primo cittadino – come ho avuto modo di dire insieme ad altri sindaci della Valsugana al Presidente Fugatti non ritengo che l’uscita della Valdastico a Rovereto Sud, da lui prospettata, sia una alternativa concreta a fronte di una autostrada già pressoché completata, la Pedemontana, che porta il traffico dell’area industriale del Veneto a Bassano e da lì, attraverso la Valsugana, senza alcun pedaggio, verso nord”.

Pensando dunque alla Valdastico, prosegue Perinelli, “occorre pensare a soluzioni che siano appetibili per gli autotrasportatori e non a ipotesi che allungano il percorso aumentando i costi. Non sono quindi contrario a priori al prolungamento della Valdastico, ma a un progetto che non salvaguarda il nostro territorio”. Per questo, “tutto quello che viene fatto per tutelare il turismo dei laghi – ha concluso – e la salute dei cittadini, è positivo. Proprio per questo ritengo che se l’ex presidente Paccher avesse letto la mozione l’avrebbe probabilmente trovata condivisibile”.

 

Di seguito riportiamo il documento della mozione approvata dal Comune di Tenna:

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 maggio - 19:13
A Trento per Vasco sono arrivati in tanti: genitori con figli adolescenti, coppie di fidanzati e gruppi di amici. L'attesa sotto il sole non [...]
Cronaca
19 maggio - 18:21
I cuccioli sono stati salvati da una donna che stava correndo nei boschi quando ha sentito i guaiti. Ora sono stati presi in custodia dai volontari [...]
Cronaca
19 maggio - 18:43
Visto il grande afflusso di auto sulla zona di Trento Sud il traffico dell'autostrada viene deviato su Trento Nord. Ecco il piano della viabilità [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato