Contenuto sponsorizzato

Multa al Comune di Trento per le telecamere dei progetti "Marvel" e "Protector": Fratelli d'Italia presenta un esposto alla Corte dei Conti. "Mala gestio del denaro pubblico"

Il Garante della Privacy, pur riconoscendo che l'errore del comune era stato commesso in buona fede e altre attenuanti, aveva irrogato una sanzione da 50mila euro, che sarebbe stata ridotta alla metà se il pagamento fosse avvenuto (come è accaduto) nell'arco di trenta giorni dalla notifica del provvedimento, avvenuta il 20 gennaio. I quattro consiglieri parlando di "mala gestio del denaro pubblico"

Di D.L. - 19 aprile 2024 - 20:31

TRENTO. La vicenda relativa alle telecamere in città, ai progetti "Marvel" e "Protector", per i quali il comune di Trento è stato sanzionato con una multa di 25mila euro dal Garante della Privacy (QUI ARTICOLO), approda alla Corte dei Conti.

 

A presentare l'esposto sono stati i quattro consiglieri comunali di Fratelli d'Italia, Daniele Demattè, Andrea Merler, Giuseppe Urbani e Cristian Zanetti che parlano di "mala gestio del denaro pubblico".

 

Il Garante della Privacy, pur riconoscendo che l'errore del comune era stato commesso in buona fede e altre attenuanti, aveva irrogato una sanzione da 50mila euro, che sarebbe stata ridotta alla metà se il pagamento fosse avvenuto (come è accaduto) nell'arco di trenta giorni dalla notifica del provvedimento, avvenuta il 20 gennaio.

 

Ebbene, il 12 febbraio la Giunta ha deliberato di pagar la multa, specificando "di dare atto che, come meglio esplicitato nelle premesse, il pagamento della sanzione con i fondi impegnati a bilanci nei termini sopra indicati trova comunque ristoro nel finanziamento attribuito al Comune di Trento per i suddetti progetti europei, nella specifica quota dei costi indiretti, evitando in tal mondo di determinare un costo effettivo alla finanza comunale".

 

Nell'esposto presentato nella mattinata di venerdì 19 aprile, il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia ricostruisce l'intera vicenda e parla di "atteggiamento spesso irridente e sprezzante" da parte del sindaco Ianeselli che "bollava le richieste di informazioni e le preoccupazioni evidenziate come mera demagogia". Il riferimento è ai question time del 5 novembre e dell'11 dicembre e alle interrogazioni del 23 novembre e del 6 dicembre. "Alle interrogazioni venivano date le rassicuranti risposte del Sindaco e dell'assessora Casonato, in ordine alla legittimità dell'azione del Comune".

 

"Il tema della mala gestio del denaro pubblico non inerisce, naturalmente, solamente alla citata sanzione pagata dal Comune - proseguono i consiglieri comunali di Fdi - ma anche a tutte le spese che l'Amministrazione ha sostenuto per aderire, iniziare e proseguire dei progetti (illegittimi) di cui sopra, che hanno visto l'utilizzo di risorse pubbliche sia dirette (acquisto di beni, appalto di servizi, etc), ma anche costi indiretti (utilizzo di risorse del personale interno, ore di studio e lavoro dei dipendenti o consulenti del Comune, redazione di specifici atti amministrativi e impegni di spesa, etc). Lo sperpero di denaro pubblico potrebbe inoltre inerire anche alle somme che l'Unione europea pare abbia richiesto al Comune di Trento, in quanto pare fossero già state spese la maggior parte delle somme concesse quale finanziamento. Per i richiamati progetti pare fossero stati già 128.079 euro, pari a 90% della spesa totale. Pare, inoltre, come, nel maggio 2023, il Comune ebbe a ricevere la somma di 102.000,00 euro di prefinanziamento: somme derivanti dall'Internal security fund. Qualora questo, ovvero ulteriori somme, anche in parte, dovessero restituite, anche questo potrebbe avere dei profili di danno erariale. Inoltre andrebbe quantificata - indipendentemente dalla restituzione o meno delle somme all'Ente erogatore - la somma che l'Amministrazione Ianeselli ha comunque speso (sempre di denaro pubblico parliamo) per un progetto illegittimo e ora abbandonato".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato