Contenuto sponsorizzato

Affossato il disegno di legge su alcol e minori. Bottamedi su tutte le furie

La maggioranza ha deciso di interrompere il dibattito e di chiudere la discussione sulla proposta di legge. Le minoranze attaccano: "Grave violazione della democrazia"

Pubblicato il - 04 novembre 2016 - 15:20

TRENTO. La consigliera Manuela Bottamedi è su tutte le furie. “Da stamattina è ufficiale - afferma inviperita - la democrazia è morta e del problema dei minori e dell'alcol alla maggioranza di centrosinistra autonomista, interessa zero”.

 

Questa mattina nell'Aula del Consiglio provinciale doveva essere discusso e votato il disegno di legge sul contrasto all'abuso di alcol tra i minorenni, argomento che alla consigliera sta a cuore e che su questo ha addirittura organizzato nelle settimane scorse un seguitissimo approfondimento con esperti ed esponenti dell'alcologia dell'Azienda sanitaria.

 

La discussione c'è stata, perlomeno la discussione generale, ma la maggioranza prima di inoltrarsi nell'analisi del testo, e ovviamente prima di arrivare alla votazione, ha presentato un ordine del giorno che di fatto affossa la proposta di legge.

“La mia legge è stata abortita”, grida infatti Bottamedi. “La maggioranza di governo non ha voluto nemmeno che si discutesse e votasse il mio disegno di legge con bugie e motivazioni assurde, ridicole, inaccettabili”.

Solo qualche mese fa, ricorda la consigliera, “in Commissione erano tutti d'accordo, tutte le realtà che sono state audite erano favorevoli”.
 

“Non è vero – afferma il capogruppo del Pd Alessio Manicaanche in commissione abbiamo avanzato delle perplessità. Sull'inasprimento delle sanzioni per gli esercenti - continua il consigliere – e sul fatto che un intervento su alcol e minori è superfluo considerato che la legge sulla scuola appena approvata già affronta il tema”.

 

Ma per la consigliera Bottamedi non è così: “Non si sono voluti confrontare, non hanno voluto entrare nel merito delle importanti e delicate questioni sollevate dal disegno di legge e quindi hanno bloccato tutto, sia il dibattito che la votazione. Un gravissimo atteggiamento di chiusura e arroganza”, afferma Manuela Bottamedi.

 

Il dibattito sull'ordine del giorno di sospensione è stato acceso, si è parlato per più di un'ora e le minoranza hanno fatto quadrato attorno alla collega di minoranza. Le accuse nei confronti di governo e maggioranza si sono sprecate: “Arroganza, mancanza di democrazia, oltraggio alla minoranza”.

 

“Non aveva senso continuare nella discussione e dilungarci nell'analisi dell'articolato – afferma Manica – era chiaro che avremmo votato contro quindi abbiamo stoppato il disegno di legge fin da subito”.

 

Ma veramante non ha senso un intervento mirato sulla piaga della diffusione del consumo di alcol tra i minori? “C'è già tutto nella legge sulla Buona scuola”, ribadisce Manica.
 

Ecco cosa c'è, un solo comma nell'articolo 8 bis: “Il sistema educativo provinciale (...) promuove anche interventi di informazione a favore delle famiglie con riguardo alle tematiche delle dipendenze, in particolare da alcolismo e da tossicodipendenza, coordinandole con quelle in favore degli studenti previste da quest'articolo.

 

Il disegno di legge della consigliera Bottamedi era comunque molto più articolato, questo è certo

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 05:01

Il rischio è che tante persone che in questi mesi hanno trovato un riparo durante la notte grazie ai posti messi a disposizione dal Comune all'Ostello della Gioventù finiscano nuovamente a dormire in strada. Questa sera sarà l'ultima notte anche per gli spazi aperti nella Chiesa di Centochiavi ma potranno essere riattivati

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato