Contenuto sponsorizzato

Boschi: "Dellai mi ha sequestrata in una stanza per spiegarmi l'importanza dell'autonomia"

L'ex presidente a Tenna nel convegno di Democrazia solidale: "Così però ti abbiamo convinta"

La ministra Maria Elena Boschi
Pubblicato il - 02 settembre 2016 - 19:26

TENNA. “La tappa del referendum è una tappa fondamentale. Decisiva per poter dare all'Italia gli strumenti per decidere”. La ministra Maria Elena Boschi usa questa espressione per riscaldare la platea che a Tenna l'ha accolta calorosamente.

 

Un parterre delle grandi occasioni quello che ha affollato il convegno “Italia, Europa, Mondo: tra realtà, riforme e visioni”. Presenti il segretario del Pd Italo Gilmozzi, il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti, l'assessore Luca Zeni, il deputato Mauro Ottobre. C'erano anche la segretari della Cisl Annamaria Furlan, il viceministro all'agricoltura Andrea Olivero e quello agli esteri Mario Giro.


Dellai, Riccardi e la ministra Boschi
Dellai, Riccardi e la ministra Boschi

Padrone di casa Lorenzo Dellai che ha portato in Trentino tutta la sua area politica romana, Democrazia solidale. Nella località della Valsugana anche l'ex ministro e fondatore della Comunità di Sant'Egidio Andrea Riccardi, ma l'attenzione era tutta per la titolare del ministero per le riforme.

 

“I principi fondamentali della Costituzione non saranno toccati” chiarisce la ministra. E non sembrerebbero in discussione nemmeno le autonomie speciali. Boschi racconta di una specie di sequestro di persona: “Dellai mi ha chiuso in una stanza per ora per parlare di autonomia”. "E così ti ho convinta", le risponde ironico l'ex presidente.  La ministra assicura che se passa il Sì sarà più facile governare, e il Paese sarà più stabile.“

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato