Contenuto sponsorizzato

Donatella Conzatti, "epurata" dalla segreteria dell'Upt ma decisa a rimanere nel partito: "Per vigilare sulla linea politica"

Dopo l'esclusione dalla nuova segreteria di Tiziano Mellarini l'esponente dei civici annuncia la sua permanenza nel partito: "Siamo in tanti e difenderemo la linea politica uscita dal congresso"

Pubblicato il - 25 novembre 2016 - 14:05

TRENTO. La notizia è questo: "Nell'Upt non ci sarà nessuna scissione". Lo afferma Donatella Conzatti, "l'epurata", la donna che è stata messa alla porta dopo che il segretario Tiziano Mellarini ha trovato l'intesa con il gruppo vicino a Lorenzo Dellai.  "Rimarremo all'interno del partito come un corpo libero, decisi a vigilare sul rispetto della linea politica uscita vincente dopo il congresso di gennaio".

 

Un congresso che però non aveva risolto la spaccatura interna al partito, che ha diviso ancora di più le posizioni: da una parte Tiziano Mellarini e Donatella Conzatti che volevano guardare anche alle espressioni del mondo delle liste civiche e Dellai che voleva un ancoraggio più saldo nel centro-sinistra-autonomista.

 

"Una divisione non solo di linea politica ma anche la dicotomia tra vecchio modo di fare politica e innovazione". Ma come dicevamo il congresso ha avuto uno strascico di polemiche continuo, che ha immobilizzato il partito, che ha determinato fibrillazioni sui territori e soprattutto all'interno del consiglio comunale di Trento.

 

La risoluzione del conflitto è arrivata con la nuova segreteria, azzerata e rinominata: fuori Donatella Conzatti, dentro un esponente della corrente di Dellai, Vittorio Fravezzi

 

La componente dei "civici", quella che Donatella Conzatti rappresentava all'interno della segreteria, è profondamente delusa dalle decisioni delle ultime settimane: "Non si capisce come mai a otto mesi dal congresso si sia deciso di azzerare la segreteria, i nostri iscritti sul territorio non lo capiscono". Di più: "Di Mellarini ci siamo fidati ma ora, forse per pressioni della componente degli istituzionali del partito (il gruppo consiliare, ndr)  ha tradito la sua funzione di cerniera tra passato e futuro. Ora - sottolinea Conzatti - assistiamo soltanto ad un ritorno al passato".

 

Comunque non se ne vanno, rimangono nel partito, seppur azzoppati e messi ai margini: "Nei territori siamo in tantissimi, e molti saranno con noi nel pretendere che sia attuata la linea del partito, quello che è stato deciso democraticamente al congresso". E per dimostrarlo, alla conferenza stampa vengono lette alcune dichiarazioni di attivisti dell'Upt che sostengono Donatella Conzatti e la sua linea:

 

"Saremo fedeli alla linea uscita dal congresso - scrive l'ex assessore all'istruzione Tiziano Salvaterra - e saremo vigili sul farla rispettare". Danilo Dallabrida, coordinatore dell'Upt della rotaliana dice questo: "Leggo con dispiacere che nella nuova segreteria mancano le persone che più di altre hanno portato innovazione, che più di altre guardavano al futuro".  

 

Ornella Campestrini, sindaca di Torcegno nota che "ancora una volta ad essere esclusa è una donna", e anche Catia Nardelli sottolinea l'atteggiamento dei vertici del partito nei confronti delle donne: "L'Upt è un partito maschilista. Anch'io - afferma in un audio-intervento trasmesso in conferenza stampa - ho subito l'allontanamento, io sono stata estromessa dagli incarichi istituzionali. Ero convinta che il partito mi appoggiasse e invece mi ha abbandonata. In  questo partito - conclude Nardelli - io non ci credo più".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 dicembre - 17:49

Oggi il monitoraggio della Cabina di regina dell'Iss, l'Rt nazionale scende per la prima volta da settimane sotto l'1, cioè a 0,91. Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva passa dal 47% al 49%

04 dicembre - 17:47

La protezione civile ha diramato un’allerta rossa su parte di Veneto e Friuli-Venezia Giulia, ma anche su tutta la Provincia di Bolzano. Peggiora la situazione anche in Trentino, le autorità avvertono: “I fenomeni meteo in corso potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche”

04 dicembre - 17:33

Da ieri la Provincia ha finalmente iniziato a comunicare i dati complessivi per quanto riguarda la diffusione del contagio sul territorio provinciale, numeri che comprendono i test antigenici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato