Contenuto sponsorizzato

M5S:" La legge sulla parità di genere sia sottoposta a referendum"

Il consigliere Degasperi, contrario alle "riserve indiane" chiede sia data la parola ai cittadini. Ostruzionismo anche dei 5 Stelle con 1700 emendamenti

Pubblicato il - 13 settembre 2016 - 15:33

TRENTO. Non è ancora stata discussa (e chissà quando sarà votata), che il Movimento 5 Stelle propone già di sottoporla a referendum. La legge sulla doppia preferenza di genere registra un'altra contrarietà, a dire il vero non nuova: “Riteniamo che imporre il blocco delle candidature per genere – afferma in una nota il consigliere provinciale Filippo Degasperi – equivalga a cercare di risolvere un problema partendo dalla fine piuttosto che dall'inizio. Si introdurrebbe una sorta di “riserva indiana” – continua – che non risolverebbe in alcun modo i reali problemi di accesso alla vita politica di tante donne, ovvero la mancanza di servizi adeguati a permettere loro di partecipare senza dover rinunciare alla famiglia o al lavoro”.

 

“La nostra proposta – continua il comunicato – è di fare ricorso all' Art. 47 dello Statuto di Autonomia, quello che stabilisce le regole per i referendum riguardanti le leggi sulla forma di governo e in particolare sulle modalità di elezione del Consiglio”.

 

Al momento il M5S ha presentato 1700 emendamenti alla legge che verrà discussa in settimana dal Consiglio provinciale. Emendamenti che si sommano ai 4 mila presentati da Rodolfo Borga. “Vedremo se si sceglierà o meno la strada del confronto”, afferma Degasperi. “Le regole del gioco vanno decise dai cittadini senza che nessuno si di arroghi la pretesa di decidere per loro anche su questi temi, fermo restando che nel contesto referendario ciascuna forza politica sarà poi libera di portare avanti la propria visione”, conclude il consigliere.

 

Tra gli emendamenti proposti, uno riguarda il limite assoluto di due mandati completi per ciascun eletto. “Se si approvasse questa impostazione si favorirebbe il ricambio del personale politico e quindi anche di quello di genere femminile” sottolinea l'esponente 5 Stelle.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 12:54

I carabinieri di Canal San Bovo stavano indagando da tempo dietro a quello che sembrava un incidente, avvenuto il 3 luglio. Ora è arrivata la denuncia per il reato di lesioni personali, danneggiamento e fuga

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato