Contenuto sponsorizzato

Natale Rigotti: "La funivia Trento-Bondone è l'unica soluzione, ma la politica è indietro"

Il presidente degli albergatori favorevole al grande impianto: "Le grandi opere aprono al futuro". Contrario alla staffetta Maestranzi - Stanchina nel consiglio d'amministrazione dell'Apt cittadina

Di Luca Andreazza - 10 ottobre 2016 - 15:30

TRENTO. “Sono amareggiato. Manca un ragionamento sul sistema turistico del capoluogo”. A parlare è Natale Rigotti, presidente di Asat, l'associazione che raggruppa gli albergatori e le Imprese Turistiche della Provincia.

 

Dario Maestranzi è stato investito dalla delega al Bondone, un'opportunità che gli consente di sedere all'interno del consiglio d'amministrazione dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, togliendo di fatto la sedia all'assessore al turismo Roberto Stanchina, scalzandolo dal tavolo.

 

Una staffetta che agli albergatori però non sembra piacere.

“Ho molta stima in Maestranzi e rispetto molto il suo lavoro, ma non troviamo giusta la sostituzione dell'assessore Stanchina. E' evidente la mancanza di una visione del futuro. Cambi in corsa che creano soltanto confusione e incertezza. Tanto più che Stanchina si era dimostrato ampiamente all'altezza del ruolo, rispettando inoltre problematiche e amministrazione comunale”.

 

Crede quindi che questa scelta rappresenti più un passo indietro, invece che in avanti nelle politiche turistiche del capoluogo?

“Sono questioni talmente piccole, che non hanno nessun senso, neppure a livello politico. Sono decisioni difficili da comprendere. Sarebbe ora di pensare in grande, capire e sviluppare l'economia turistica di Trento, capoluogo di Provincia. La qualità politica è invece lontana dalla realtà”.

 

Una realtà ben diversa, non è tutto oro ciò che luccica?

“Trento è sede dell'Università, un punto di riferimento accademico. Fbk e la ricerca sono riconosciuti a livello internazionale. La città ospita fra i migliori musei a livello nazionale, senza dimenticare grandi eventi come il Festival dell'Economia. Eppure Trento non cresce e continua a restare un semplice paesone autoreferenziale. Stiamo parlando di una città che dovrebbe essere la capitale dello spumante in Europa, grazie alle tante realtà di pregio che lavorano con le bollicine, ma fatica tremendamente in tutto. Questo è solo un esempio, ma si potrebbe continuare all'infinito”.

 

Come affrontare queste problematiche?

“Manca un ragionamento sul sistema turismo che significa economia, indotto, posti di lavoro. Argomento che non sembra però interessare. Si cambiano e si inventano deleghe, senza affrontare il nocciolo del problema. Sono più importanti i personalismi e la delega agli Alpini, invece di considerare il raduno una ricchezza della storia e del nostro territorio”.

 

Aspettando Godot: sulla questione funivia Trento – Bondone quale è la sua visione?

“Un tema ricorrente negli ultimi 40 anni. Un'opera dove i vantaggi sono principalmente per Trento. Manca il coraggio di investire: un totale immobilismo economico e politico. Si tratta di interventi fondamentali, come l'Autostrada A22. Le grandi opere aprono al futuro”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 19:43

Si trovava in acqua all'altezza della spiaggia davanti al Pescatore e all'Europa. Sembra si trovasse su un pedalò quando, una volta in acqua, è sprofondato. Ancora una volta il Nucleo sommozzatori (ancora non messo nelle condizioni di partire direttamente da Mattarello come accadeva negli scorsi anni) non è arrivato in tempo utile

05 luglio - 16:51
Il drammatico scontro è avvenuto intorno alle 15.30 di oggi, domenica 5 luglio, all'altezza del campo da tamburello tra Dro e Drena. Si è verificato un violentissimo scontro tra una vettura e una moto, quest'ultima con a bordo due persone
05 luglio - 14:00

La denuncia del Codacons: “Attraverso la voce ‘tassa Covid’, che va da un minimo di 2 euro dei parrucchieri ai 10 euro dei centri estetici fino ai 40 euro richiesti dalle officine, i consumatori sono stati colpiti da vere e proprie stangate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato