Contenuto sponsorizzato

Senzatetto costretti a dormire al freddo, gli studenti si mobilitano: ''Sicurezza non è lasciare persone per strada''

Udu e la Rete degli Studenti Medi lanciano una raccolta di beni per chi è costretto a dormire in strada: "Con il recente Decreto Sicurezza questa situazione aumenterà esponenzialmente. Molti finiranno in strada, non potendo più beneficiare del sistema di protezione e accoglienza”

Pubblicato il - 25 gennaio 2019 - 17:37

TRENTO. Donare alcuni dei beni fondamentali tra cui berretti, sciarpe, scarpe ma anche vestiti, fazzoletti di carta e beni di lunga conservazione per chi, in questi giorni di gelo, è costretto a vivere per strada. A mobilitarsi questa volta contro la “deumanizzazione degli ultimi” sono gli studenti universitari che lanciano un appello a tutta la popolazione. L'iniziativa è stata lanciata dalla Rete degli Studenti Medi e Udu, l'Unione degli Universitari, l'associazione studentesca più rappresentativa nel mondo universitario.

 

“Purtroppo – viene spiegato - continuano a essere tante le persone che dormono per strada, e con il recente Decreto Sicurezza questa situazione aumenterà esponenzialmente. Molti finiranno in strada, non potendo più beneficiare del sistema di protezione e accoglienza”.

 

Anche a Trento sono oltre un centinaio le persone che con il freddo di queste notti sono costrette a dormire in strada. Nessuno ha però dei numeri certi e si pensa che siano molto di più visti gli effetti che il decreto sicurezza sta producendo anche sul nostro territorio.

La deumanizzazione degli ultimi – spiegano le associazioni - in questi ultimi mesi, ha toccato picchi mai visti, basti citare la vicenda di Trieste per cui il vicesindaco si è addirittura vantato di aver gettato via le coperte di un senza tetto. Noi vogliamo dare un segnale diverso. Sappiamo che organizzare una raccolta di beni non è una soluzione di sistema, ma vogliamo usare questa iniziativa per lanciare un messaggio, facendo, nel nostro piccolo, del bene a chi in questi giorni è lasciato ai margini della città che abitiamo. Sicurezza non è lasciare persone per strada

 

Ecco all'ora che l'appello è rivolto a tutti gli studenti, singoli cittadini o associazioni di volontariato di Trento. “Vi invitiamo – spiegano - a donare alcuni beni fondamentali a chi ne avrà più bisogno. Chiediamo a tutti di diffondere il più possibile questo appello”.

In ordine di priorità i beni necessari sono berretti, sciarpe, guanti, zaini o borsoni, scarpe da uomo (se possibile comode, servono soprattutto numeri piccoli), giubbotti, giacche, giacconi, coperte pulite, fazzoletti di carta,vestiti da uomo comodi di tutti i tipi, in buono stato,saponette e alimenti a lunga conservazione.

 

L'avvio della raccolta è previsto dal 29 gennaio e terminerà il 9 febbraio e successivamente tutto verrà distribuito, grazie all'aiuto del Punto d’Incontro di Trento.

 

Ecco i punti dove si potranno portare i beni:

Circolo Arci Café de la Paix Trento
Passaggio Teatro Osele, 8, 38122 Trento TN
Telefono:
392 078 9650
dal 29 gennaio al 9 febbraio, dal martedì al sabato
dalle 14 alle 18

Cooperativa Punto d'Incontro Trento
Via del Travai, 1, 38121 Trento
Telefono:
0461 984237
ogni giovedì del mese a partire dal 30 gennaio, dalle 9 alle 11.45 e dalle 14.30 alle 16

Circolo Arci L'Arsenale
Via degli Orbi, 4, Trento
dal 29 gennaio al 9 febbraio, dal martedì al sabato
dalle 20 alle 23
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 aprile - 12:03

Ieri la scoperta della polizia locale oggi emergono i dettagli dell'inchiesta: una ditta dell'Alta Valsugana aveva messo in piedi questo macabro business. I resti provenivano da cimiteri del Veneto

18 aprile - 12:26

Continuano le operazioni di controllo nei locali pubblici frequentati dai giovani. Nella città della Quercia nel weekend sono stati controllati 10 esercizi pubblici mentre la compagnia di Cles è stata in tre locali

18 aprile - 06:01

Il critico d'arte sull'incendio: ''Tanti cantori di sventure pieni di dolore e sgomento per una cosa triste, ma fisiologica''. Sul palazzo delle Albere: ''Fondamentale riabilitarlo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato