Contenuto sponsorizzato

L’Apss di Trento tra le migliori per l’innovazione digitale in sanità. Premiata dal Politecnico di Milano

Trento si è distinta nella categoria “Servizi al cittadino” per i progetti CUP@ttivo e PostoLibero, sviluppati dall’Apss in collaborazione con Gpi con l’obiettivo di ridurre i tempi di attesa nella prenotazione delle visite specialistiche

Di Marianna Malpaga - 26 settembre 2020 - 11:52

TRENTO. L’Apss di Trento è tra i vincitori dell’undicesima edizione del “Premio Innovazione Digitale in Sanità 2020”, il riconoscimento dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano.

Trento si è distinta nella categoriaServizi al cittadino” per i progetti CUP@ttivo e PostoLibero, sviluppati dall’Apss in collaborazione con Gpi con l’obiettivo di ridurre i tempi di attesa nella prenotazione delle visite specialistiche.

 

CUP@ttivo ha preso le mosse nell’estate del 2017, rivolgendosi prima di tutto agli over 75 e poi anche agli over 65. È un progetto che inverte lo schema al quale siamo abituati: non è più il cittadino che contatta il Cup (Centro unico di prenotazione) per prenotare la visita medica, ma è il Cup che, dopo 30 minuti dalla prescrizione del medico di medicina generale, contatta il cittadino per concordare giornata e orario della visita. Il tutto, ovviamente, se la persona aderisce a questo sistema.

 

PostoLibero permette invece d’inviare una notifica all’utente dell’Apss nel caso si liberi uno slot prima dell’appuntamento prefissato. Il servizio è basato su un’intelligenza artificiale che incrocia i dati sulle preferenze del paziente (giorno, fascia oraria e sede) e gli slot orari disponibili. Quando il cittadino riceve la notifica che gli propone di cambiare l’orario della visita, può confermare entro 30 minuti tramite web o app.

 

“Essere riconosciuti tra le eccellenze della sanità digitale – commenta Pier Paolo Benetollo, direttore generale dell’Apss di Trento – è davvero una grande soddisfazione: una conferma della bontà degli investimenti fatti sul fronte delle nuove tecnologie, ma soprattutto uno stimolo a continuare a implementare sistemi tecnologici che permettono una nuova modalità di erogazione dei servizi e favoriscono una partecipazione sempre più attiva del cittadino nella gestione della propria salute. Il nostro impegno è quello di utilizzare la tecnologia per fornire soluzioni più semplici da usare per il maggior numero possibile di cittadini”.

Oltre all’Apss di Trento, il Politecnico di Milano ha premiato l’Asl Roma 3 per la categoria “Servizi per l’integrazione ospedale-territorio”; l’Asl di Verbano Cusio Ossola per “Servizi per la presa in carico domiciliare di patologie specifiche”; l’Azienda Socio-Sanitaria Territoriale di Vimercate per “Gestione di processi clinici e assistenziali ospedalieri”; l’Asl di Latina e la Fondazione Poliambulanza di Brescia per “Gestione dell’emergenza Covid in ospedale e sul territorio”; e l’Ausl Reggio Emilia per “Processi amministrativi”.

 

I premi sono stati assegnati mercoledì pomeriggio nel corso del convegno “Rivoluzione Connected Care: se non ora, quando?”, a seguito delle valutazioni della giuria, che ha selezionato queste realtà tra 17 finalisti. “I progetti premiati e menzionati – spiega Cristina Masella, responsabile scientifico dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità - sono esempi virtuosi di come il digitale può contribuire a rendere il sistema sanitario più connesso e personalizzato sulla base delle esigenze del paziente. L’obiettivo del premio è valorizzare queste esperienze di successo, affinché diventino best practice a vantaggio dell’intero sistema sanitario nazionale”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 13:55

Il vicepresidente della provincia di Bolzano ha fatto l'annuncio sui social. E pensare che in Trentino il primo cittadino del capoluogo è stato attaccato proprio dalla Giunta provinciale per la scelta presa ieri. Per Failoni ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''

20 ottobre - 09:55

Un uomo 66enne alla guida della sua Alfa Romeo si è schiantato contro un muretto a Bardolino. Perso il controllo del mezzo, ha sbandato e si è scontrato contro una recinzione, rimanendo incastrato. Sul luogo i vigili del fuoco lo hanno estratto con le pinze idrauliche, consegnandolo poi alle cure dei medici

20 ottobre - 14:08

Il vertice tra le Federcalcio regionali delle scorse ore ha portato a sospendere il calcio a 5 sul territorio, molto per la recrudescenza dell'epidemia e tanto anche per la difficoltà nel conciliare le diverse procedure in materia "quarantena" delle Aziende sanitare, le regole sull'utilizzo di docce e spogliatoio in Alto Adige

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato