Contenuto sponsorizzato

Sostegno didattico agli alunni con disabilità, i docenti alla Provincia: ''C'è il rischio che molte cattedre vengano assegnate a personale non specializzato e non formato''

Sono 69 i docenti specializzatisi presso l’Università degli studi di Trento (a.a. 2018/2019) che chiedono a gran voce alla Giunta Provinciale di indire un concorso per soli titoli per l’immissione in ruolo di docenti della Scuola Secondaria specializzati sul Sostegno, avente come unico requisito il possesso del diploma di specializzazione, senza ulteriori vincoli e prerequisiti

Foto da internet
Di gf - 02 maggio 2020 - 11:13

TRENTO.”C'è il rischio che le cattedre vengano nuovamente assegnate a personale non specializzato e non formato, gravando così sulla situazione già complessa e delicata degli alunni con disabilità e delle loro famiglie, con prevedibili ricadute in termini di mancata continuità didattica e di rallentamento dei processi inclusivi”. L'allarme è lanciato attraverso un documento inviato alla Provincia e sottoscritto da 69 docenti della scuola secondaria che si sono specializzati all'Università di Trento per le attività di sostengo didattico gli alunni con disabilità.

 

La richiesta che viene fatta dai docenti è quella di un concorso straordinario per soli titoli finalizzato all’immissione in ruolo di insegnanti di Sostegno specializzati già dal prossimo anno scolastico, e che l’unico requisito richiesto sia il diploma di specializzazione in Sostegno didattico per alunni con disabilità.

 

“Ciò consentirebbe alle scuole trentine – spiegano i docenti - e soprattutto agli studenti con bisogni educativi speciali e alle loro famiglie di poter fare affidamento già dal primo settembre su docenti appositamente selezionati e debitamente formati”.

 

La Pat alla fine di marzo ha bandito un concorso straordinario per titoli per assunzioni a tempo indeterminato per docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Nel bando, però, è prevista l’abilitazione su una specifica materia d’insegnamento anche per i docenti di Sostegno. Un requisito, quest'ultimo, che andrebbe a tagliare le possibilità di gran parte dei docenti che da qualche anno non hanno alcun obbligo di abilitazione a singole materie.

 

“I docenti specializzati del IV Ciclo Specializzazione per il Sostegno – viene spiegato dai firmatari del documento - sono i soli in possesso della formazione specifica prevista per tale tipologia di incarico. Il corso da noi frequentato (anno accademico 2018/2019), a livello formativo, è stato identico ai tre cicli precedenti (DM 30/09/2011), con l’unica differenza che l’abilitazione su una materia specifica non rientra più tra i prerequisiti per l’ammissione. Il nostro profilo di docenti specializzati risulta essere, pertanto, il medesimo a livello formativo e normativo”.

 

Considerata l’emergenza sanitaria che sta vivendo il nostro Paese, spiegano sempre docenti, non si può avere la certezza che la prova del concorso straordinario per titoli ed esami bandito in questi giorni a livello nazionale possa essere effettuata in tempi utili da permettere l’immissione in ruolo dei docenti già dal 1° settembre 2020. Inoltre, se anche in Trentino si richiedessero i medesimi requisiti per partecipare alla prova, molti dei docenti specializzati sul Sostegno non avrebbero nemmeno la possibilità di accedere alla procedura, pur essendo già stati debitamente selezionati sui medesimi contenuti della prova stessa. "Speriamo - concludono i docenti - che la Provincia di Trento e il Dipartimento dell’istruzione prendano seriamente in esame la nostra proposta e continuino così a distinguersi per il buon senso e per la continua attenzione verso la sfera dell’inclusione scolastica".

 

Qui il documento completo

 

 

    Contenuto sponsorizzato
    Telegiornale
    Ultima edizione
    Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
    Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
    Contenuto sponsorizzato

    Dalla home

    20 gennaio - 11:04

    L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

    20 gennaio - 16:21

    L'ingresso di Fratelli d'Italia sulla scena politica trentina e regionale aveva fin da subito creato alcuni malumori nelle forze di maggioranza, soprattutto in quota Svp. L'ormai ex assessore aveva spiegato di essere pronto al passo indietro per non creare attriti in maggioranza. Oggi è stata formalizzata la decisione: "Non ho mai creduto alla 'carriera politica', ho sempre creduto alla libertà di fare politica"

    20 gennaio - 15:20

    Il sindaco di Trento interviene per fare chiarezza sulla destinazione dei fondi raccolti e sul futuro del gregge: “Capiamo la delusione di chi avrebbe voluto tenere insieme, in Valle dei Mocheni, le capre di Agitu, ma la soluzione temporanea che è stata trovata mira proprio a tutelare gli animali. Stiamo elaborando un progetto capace di tener viva la memoria di Agitu e di farsi interprete del suo amore per gli animali e per il territorio”

    Contenuto sponsorizzato
    Contenuto sponsorizzato
    Contenuto sponsorizzato