Contenuto sponsorizzato

Contrasto al cancro, dal ruolo del sistema immunitario all'identificazione dei soggetti ad alto rischio: due borse di studio assegnate a Trento

Elisa Marmocchi e Fabio Mazza si sono aggiudicati le due borse di studio (dal valore, su tre anni, di 75mila euro l'una) sostenute da Fondazione Pezcoller e Fondo Comune delle Casse rurali trentine. L'obiettivo? Favorire la ricaduta della ricerca scientifica oncologica sul territorio

Pubblicato il - 21 febbraio 2024 - 11:07

TRENTO. Due borse di studio per sviluppare per tre anni i propri studi su nuove modalità di contrasto al cancro: i vincitori per il triennio 2023-2026 sono Elisa Marmocchi e Fabio Mazza. Edizione dopo edizione l'obiettivo dell'iniziativa, nata grazie all'intesa tra Fondazione Pezcoller, Università di Trento e Fondo Comune delle Casse rurali trentine, è anche quello di favorire la ricaduta della ricerca scientifica oncologica sul territorio, grazie ad una dotazione, sui tre anni, pari a 75mila euro per borsa di studio.

 

Entrambi i vincitori, del dottorato in Scienze biomolecolari del Dipartimento di Biologia cellulare, computazionale e integrata (DiCibio) dell'Ateneo trentino, hanno superato la selezione per l'ammissione al dottorato, per il quale erano arrivate 90 domande, e per le due borse a concorso, per cui avevano espresso interesse 33 delle persone candidate. A Palazzo Sardagna si è tenuta la cerimonia di consegna formale alla dottoranda e al dottorando, che hanno così avuto l'occasione per una presentazione del loro lavoro di ricerca.

 

Elisa Marmocchi – dice l'Università di Trento – indaga nuove modalità per usare il sistema immunitario nel contrasto di tumori finora ritenuti poco adatti a questo trattamento clinico. Il suo punto di partenza è identificare gli stimoli infiammatori in grado di attrarre all’interno del tumore le cellule linfocitarie. Quindi cercherà di rendere tali cellule in grado di riconoscere ed eliminare le cellule tumorali con approcci di ingegneria genetica combinati a strategie vaccinali”.

 

Fabio Mazza invece “si propone di usare grandi quantità di dati genetici e genomici di persone con patologie oncologiche per comprendere meglio come si sviluppa il cancro, per identificare soggetti con un rischio più elevato di manifestare una forma più aggressiva di tumore o che potrebbero rispondere meglio a determinati trattamenti antitumorali. La sua speranza è dunque contribuire a individuare strategie più efficaci per prevenire e trattare il cancro”.

 

Ecco, nel dettaglio, i loro progetti

 

Elisa Marmocchi

Sviluppo di strategie immuno-oncologiche per tumori immunologicamente freddi

L'immuno-oncologia sta migliorando la prognosi di diverse tipologie di tumore. Mentre alcuni tumori sono sensibili alle strategie immunologiche, altri sono ritenuti poco adatti a tali approcci clinici sia perché la presenza di cellule del sistema immunitario al loro interno è ridotta sia perché le cellule tumorali non hanno caratteristiche tali da essere facilmente riconosciute ed eliminate dalle cellule immunitarie (tumori immunologicamente freddi). Il progetto vede una stretta collaborazione tra i gruppi di Andrea Lunardi (principal investigator), Alessandro Romanel e Guido Grandi dell’Università di Trento e di Nicola Ternette dell'Università di Oxford. L’obiettivo è definire precise strategie per aggirare entrambi questi ostacoli. In particolare, il primo passo sarà l’identificazione di precisi stimoli infiammatori in grado di attrarre all’interno del tumore le cellule linfocitarie di tipo T e Natural Killer; il secondo di rendere tali cellule in grado di riconoscere ed eliminare le cellule tumorali grazie ad approcci di ingegneria genetica per la generazione di cellule immunitarie CAR-T e CAR-NK combinati a strategie vaccinali.

 

Fabio Mazza

Esplorazione del complesso di interazioni tra varianti somatiche e germinali di tipo codificante nel cancro

Il progetto, che vede principal investigator Alessandro Romanel e Gianluca Lattanzi, si propone di usare grandi quantità di dati genetici e genomici di pazienti tumorali per comprendere meglio come si sviluppa il cancro e identificare potenziali obiettivi per la diagnosi precoce e trattamenti mirati. L’approccio coinvolge l'utilizzo di analisi bioinformatiche avanzate e simulazioni molecolari per valutare come le varianti genetiche ereditate, in combinazione con le mutazioni legate al cancro, possano influenzare la stabilità e la dinamica delle proteine. Si vuole comprendere come il patrimonio genetico di una persona possa contribuire a selezionare mutazioni specifiche legate al cancro, fornendo strumenti per identificare pazienti con un rischio più elevato di sviluppare una forma più aggressiva di malattia o che potrebbero rispondere meglio a determinati trattamenti antitumorali. La speranza del progetto è dunque contribuire a individuare strategie più efficaci per prevenire e trattare il cancro.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 aprile - 19:52
Il video della titolare del Perla Bar in via Belenzani sui social dopo la multa ricevuta venerdì sera per aver fatto 15 minuti di musica in più : [...]
Cronaca
13 aprile - 19:02
La macabra scoperta ad Aprica, in Provincia di Sondrio, dove a quanto pare la famiglia si era trasferita durante la pandemia. Da quanto emerso pare [...]
Cronaca
13 aprile - 17:47
Il comune di Santa Giustina ha predisposto il ripristino dell'area: l'altana è stata costruita in una zona di proprietà del demanio idrico. Gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato