Contenuto sponsorizzato

Via libera alla prima scuola interateneo di Medicina e Chirurgia. “Le specializzazioni già dal prossimo anno accademico 2024/2025”

Nata dalla collaborazione tra le università di Trento e Verona, la Scuola coordinerà le attività relative alla formazione medico-sanitaria, in collaborazione con l'Apss. Il rettore dell'ateneo veronese Nocini: “La collaborazione tra i nostri atenei, strada maestra per la medicina del futuro”

Di Alissa Claire Collavo - 29 marzo 2024 - 11:44

TRENTO. Il Consiglio di amministrazione dell'Università di Trento ha dato via libera all'istituzione della Scuola di medicina e chirurgia, una struttura che avrà il compito di coordinare le attività relative alla formazione medico-sanitaria, come i corsi di laurea già attivati in Medicina e Chirurgia e in Educazione professionale oltre alle future specializzazioni in ambito medico.

 

L'ufficializzazione è arrivata ieri mattina dopo il via libera dato dal Senato accademico dell'ateneo trentino a seguito della decisione presa alcuni giorni fa dall'omonima istituzione veronese e dal relativo Consiglio di amministrazione.

 

La Scuola di medicina nasce infatti come struttura interateneo fra Trento e Verona, regolata da un'apposita convenzione, ma anche come struttura di raccordo in quanto le attività formative si svolgeranno in parte anche in strutture medico-sanitarie, a cominciare da quelle dell'Apss.

 

I prossimi passi prevedono la nomina del presidente e la definizione delle prime specializzazioni (a cui seguirà l'iter di accreditamento ministeriale), attese per il prossimo anno accademico 2024/2025.

 

“E' un passaggio importante, che consolida la collaborazione con l'Università di Verona e garantisce un assetto istituzionale coerente con le recenti modifiche dello statuto di ateneo”, ha affermato il rettore, Flavio Deflorian, ricordando come questa sia di fatto la prima iniziativa interateneo.

 

Un punto sottolineato anche dal rettore dell’Università di Verona, Pier Francesco Nocini: “L’istituzione della nuova Scuola interateneo di Medicina e Chirurgia è frutto della lunga e proficua collaborazione scientifica e didattica avviata con l’allora magnifico rettore Collini e proseguita con la condivisione di intenti con il magnifico rettore Deflorian. Sono certo che questa collaborazione tra i nostri atenei, che è un nuovo modo di fare accademia, sia la strada maestra per la medicina del futuro”.

 

In parallelo all'istituzione della Scuola è in corso la definizione di un protocollo d’intesa tra la Provincia autonoma di Trento e l’Università per lo svolgimento delle attività assistenziali, didattiche e di ricerca che servirà a tracciare le linee guida e le rispettive competenze di quella che sarà la futura azienda sanitaria universitaria integrata.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 08:32
Il drammatico incidente sul lavoro è avvenuto nella serata di ieri. Sulla dinamica esatta di quello che è successo sono in corso le verifiche da [...]
Cronaca
28 maggio - 06:01
I comuni lombardi di Valverstino e Magasa negli ultimi mesi sembrano essere riusciti ad intavolare una prima [...]
Cronaca
27 maggio - 20:25
Da oltre vent'anni fa il "camionaro", come lui stesso ama definirsi. "All'estero la nostra professione viene rispettata perché le persone sanno [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato