Contenuto sponsorizzato

Fbk continuerà a parlare giapponese, l'azienda leader nipponica svilupperà i nuovi sensori servendosi del Centro di ricerca di Povo

La Fondazione Bruno Kessler e l'azienda giapponese leader dell'analisi chimica Horiba ha siglato a Kyoto il contratto per altri due anni di collaborazione. Profumo: "Horiba valuta la possibilità di un insediamento in Trentino"

Pubblicato il - 09 gennaio 2017 - 10:49

TRENTO. Affare fatto fra la Fondazione Bruno Kessler e l'azienda giapponese leader nel settore dell'analisi chimica Horiba, azienda impegnata in diversi segmenti industriali tra cui anche l'automotive, il biomedicale e il monitoraggio ambientale.

 

L'accordo di collaborazione, avviata ormai otto anni fa, è stata rinnovata per altri due anni il 12 dicembre scorso a Kyoto. Questa partnership è nata dall'esigenza di Horiba di trovare un partner in grado di progettare e realizzare sensori di nuova generazione da inserire nei suoi prodotti.  

 

A livello mondiale, l’azienda giapponese ha individuato le necessarie caratteristiche di qualità, affidabilità e capacità di realizzare serie di componenti proprio nel Centro di ricerca trentino che sviluppa sensori innovativi grazie alle attività svolte dalle Unità del Centro Materiali e Microsistemi nei laboratori della struttura Micro Nano Facility guidata da Pierluigi Bellutti.

 

Il presidente della Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo ha espresso la propria soddisfazione: "Grazie al rinnovo dell’accordo per altri due anni con l’azienda giapponese Horiba per la progettazione e la produzione di sensori di nuova generazione da inserire in alcuni dei nuovi prodotti dell’azienda realizzati in Giappone e sviluppati con proprietà intellettuale congiunta Fbk-Horiba, la Fondazione Bruno Kessler conferma di essere un Centro di Ricerca con una reputazione che ormai travalica i confini europei".

 

Durante la visita agli stabilimenti e al Centro di Ricerca di Horiba a Kyoto il presidente, Atsushi Horiba, ha inoltre confermato il grande interesse della sua azienda a sviluppare ulteriormente la collaborazione con Fbk, una partnership consolidata nel corso degli anni, grazie al valore dei ricercatori del Centro Materiali e Microsistemi.

 

"Nel corso del colloquio - conferma Profumo - abbiamo individuato la possibilità di ulteriori sviluppi della collaborazione per la realizzazione di nuove famiglie di sensori da utilizzare in apparati industriali per l’automotive, il biomedicale e il monitoraggio ambientale e ho invitato Atsushi Horiba a visitare Trento e le strutture di Fbk nel 2017 per, eventualmente, valutare la possibilità di un insediamento di Horiba sul nostro territorio".

 

“La collaborazione con il Giappone” - sottolinea Pierluigi Bellutti - è stata così virtuosa che ancora oggi è attiva e si rinnova. All'interno dei contratti siglati è stata prevista anche una fase di trasferimento tecnologico volta a rendere disponibile presso i laboratori giapponesi quanto sviluppato in Fbk. Per assicurare il successo di questa fase, un ricercatore di Horiba ha trascorso più di un anno in Fbk a stretto contatto con i nostri ricercatori. Questa azione è stata seguita anche da stage di ricercatori Fbk presso la casa madre a Kyoto, al fine di completare il training al personale di Horiba”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 18:22

Le strategie adottate dai presidenti di Provincia di Trento e Bolzano sono differenti, dopo che il Dpcm ha introdotto la misura di convertire la didattica al 75% in dad per le scuole superiori. Mentre Trento ha deciso di tirare dritto, proseguendo con la presenza (e non risolvendo affatto la questione dell'affollamento dei mezzi pubblici), Bolzano dà avvio questa settimana nelle secondarie di secondo grado al 50% delle lezioni in remoto

27 ottobre - 17:08

Un trend in decisa crescita rispetto a ieri (113 positivi e 11,5%) e quattro volte superiore ai numeri comunicati nel corso del week end: il dato si è attestato tra il 5% e il 6%. Ci sono 89 persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero con 5 pazienti in terapia intensiva. Altre 11 classi in isolamento e 33 nuovi casi tra gli studenti

27 ottobre - 17:56

Le nuove disposizioni consentono le visite alle persone ospiti che risiedono in stanza singola. Possono essere presenti un massimo di 2 persone per volta. Inoltre, durante le visite, dotati di mascherina chirurgica e con mani disinfettate, è possibile un contatto corporeo con l’ospite. Ecco cosa cambia tra trasporti e case di riposo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato