Contenuto sponsorizzato

"Io, robotto", a Rovereto 90 robot in mostra

La mostra allestita a Rovereto presso Palazzo Alberti Poja sarà aperta fino al 27 agosto. E' nata dalla collaborazione tra il giornalista Massimo Triulzi, esperto di tecnologia e appassionato di robotica, e Franco Finotti, Direttore della Fondazione Museo Civico di Rovereto

Pubblicato il - 27 febbraio 2017 - 18:04

ROVERETO. Dall'automa in grado di fungere da frigorifero, aprire una lattina di birra e versarla a quello capace di trasportare tazza di tè.

 

Sono solo alcuni dei sorprendenti gioielli tecnologici che il pubblico potrà scoprire nell'originale mostra 'Io, Robotto - Automi da compagnia', allestita a Rovereto presso Palazzo Alberti Poja, dal 25 febbraio al 27 agosto, e nata dalla collaborazione tra il giornalista Massimo Triulzi, esperto di tecnologia e appassionato di robotica, e Franco Finotti, Direttore della Fondazione Museo Civico di Rovereto.

 

Il robot ha ispirato tantissime generazioni e la mostra, con una collezione di oltre 90 robot, propone un percorso inedito e originale fra la storia, le intenzione, i personaggi e la tante curiosità della robotica da intrattenimento. Una rassegna imperdibile che svela non solo l'essenza del robot come compagno della persona in una delle dimensioni della vita ma anche come è stata la sua evoluzione da semplice giocattolo a strumenti domestico.

I visitatori alla mostra potranno vedere tantissimi modelli di robot. Ci sarà come già detto, Karakuri Tea Serving Robot, un autonoma con un meccanismo a molla pensato per trasportare una tazza di Tè fino al commensale prescelto e di ritornare in cucina quando la tazza è stata sollevata dal vassoio.

 

Tra i modelli anche Aibo ERS 111 di Sony commercializzato tra il 1999 e il 2000 con un successo straordinario, tanto che i primi 3 mila pezzi destinati solo al mercato giapponese si esaurirono in 17 secondi.

Tra i robot presenti anche quelli utilizzati a fini didattici e sociali come Pino di ZMP, una macchina che aspira a diventare uomo ispirata a Pinocchio.

C'è poi Nao, attualmente il più complesso e sofisticato androide acquistabile sul mercato. Un robot che può riconoscere gesti e volti ed è dotato di intelligenza artificiale autonoma. Ha 4 microfoni e mani pensili.

 

Nel corso della mostra è stato predisposto un calendario fitto di appuntamenti a partire da laboratori didattici per le scuole alle demo di robotica per il pubblico, dalla presentazione di libri agli incontri a tema. Ogni sabato pomeriggio sarà possibile partecipare a “La robotica è un gioco da ragazzi!” dove i più giovani potranno avvicinarsi a questo mondo. Tantissime attività che si possono conoscere collegandosi al sito www.iorobotto.it

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 giugno - 13:06

La Cgil non ha approvato le linee guida perché anche in questo caso non ha partecipato l'Inail ma ha contribuito a far cambiare alcune disposizioni. Mazzacca: ''Restano alcune perplessità, tra cui la più significativa è quella legata al numero di insegnanti per bambino. La nostra proposta era quella di un rapporto più basso, fino uno a cinque. La Provincia ha proposto uno a dieci. C’è stato comunque un passo avanti”

03 giugno - 12:26

E' ripartita ufficialmente la campagna elettorale per le elezioni comunali e il candidato per il centrosinistra Franco Ianeselli ha deciso di cominciare da Cristo Re. Rapido il suo intervento, in cui ha ringraziato chi ha gestito l'emergenza in città e lanciato le proposte per far ripartire Trento dopo la chiusura forzata causa epidemia. "Vogliamo una città che sostiene i più deboli e riparte dagli investimenti". Presentata anche l'iniziativa "Un fiume di idee", per coinvolgere la cittadinanza nelle definizione delle priorità

03 giugno - 11:27

Oltre 6000 firme per chiedere il ritorno alle lezioni in classe: “Vogliamo una scuola reale basata sul rapporto umano, ciò che è servito in un momento di emergenza, come al didattica a distanza, non può diventare la normalità perché questa modalità di relazione non è reale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato