Contenuto sponsorizzato

La scienza diventa arte, l'acceleratore ionico dismesso riprende vita

L'opera realizzata dall'artista Alberto Tadiello, costruita da Scotoni e dismessa nel 2004, è stata installata a Povo nella corte del Polo scientifico e tecnologico Ferrari e sarà inaugurata il 2 novembre alle 14

Una foto relativa al lancio del concorso di idee nell'aprile 2015 (foto Alessio Coser, archivio Università di Trento)
Di Luca Andreazza - 28 ottobre 2016 - 13:27

POVO. L'arte è la capacità di definire nuove regole comunicative. Anche la scienza può diventare arte. E allora l'acceleratore ionico dismesso diventa così un'opera d'arte grazie all'intuizione di Alberto Tadiello nell'ambito del concorso di idee voluto dall'Università di Trento e dal Mart di Rovereto.

 

L'inaugurazione del acceleratore ionico, costruito dal professor Igino Scotoni e in funzione per esperimenti fisici sulle proprietà superficiali dei metalli dal 1985 al 2004, avverrà mercoledì 2 novembre alle 14 al Dipartimento di fisica Povo 1.

 

L’opera di Alberto Tadiello (sotto il bozzetto), classe 1983 e originario di Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza, è improntato alla sospensione fra ricerca, sperimentazione e utilizzo degli spazi. L'artista cerca inoltre di diversificare l’utilizzo del materiale semplice, ma tecnologicamente complesso, utilizzandolo in modo innovativo.

 

Alberto Tadiello ha sviluppato questo progetto di recupero, rielaborazione e valorizzazione dell'acceleratore ormai dismesso, questa iniziativa è il risultato del concorso di idee promosso dal Dipartimento di fisica dell'Università di Trento in collaborazione con il Mart di Rovereto, il patrocinio della Provincia, del Comune, dei Giovani Artisti Italiani e il contributo dell'Istituto Nazionale di fisica.

 

Il bozzetto di Alberto Tadiello
Il bozzetto di Alberto Tadiello

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato