Contenuto sponsorizzato

Occupazione al Cial, la protesta del collettivo Refresh: "Pochi luoghi dove poter studiare"

Le aule studio del Cial, molto utilizzate da parte degli studenti, perché in centro e perché aperte 7 giorni su 7, con l’apertura della Buc hanno subito una drastica riduzioni d’orari.

Pubblicato il - 04 febbraio 2017 - 16:48

TRENTO. Occupazione questo pomeriggio contro la riduzione degli orari di apertura del Cial ma anche per la mancanza di adeguati spazi studio per gli studenti.

 

A lanciare la protesta sono stati i giovani del Collettivo Refresh che nel primo pomeriggio con tanto di megafono hanno spiegato le loro ragioni. Per la giornata di oggi, infatti, il Collettivo ha deciso di far rimanere aperto il Cial fino alle 19.

“Oggi abbiamo deciso di bloccare la chiusura del Cial e di rimanervi dentro a studiare perché, all’indomani dell’apertura della Buc – spiegano - la gestione degli spazi dell’Ateneo sta portando tanti studenti e tante studentesse all’esasperazione: sembra che non vi sia pace per chi, in periodo d’esami, voglia trovare un tavolo e una sedia per studiare”.

 

Le aule studio del Cial, molto utilizzate da parte degli studenti, perché in centro e perché aperte 7 giorni su 7, con l’apertura della Buc hanno subito una drastica riduzioni d’orari.

 

“Una misura – spiegano i rappresentanti del Collettio Refresh - che non sembra essere una mossa per ridurre 'i costi di gestione', ma puzza di manovra atta a favorire la frequentazione della Buc che però non è proprio a portata di mano”.

 

Nel fine settimana, soprattutto,al centro città non esiste un luogo dove poter studiare. A partire dal sabato pomeriggio, con la chiusura del CIAL e di tutti i dipartimenti del centro (ad eccezione di Sociologia), gli studenti e le studentesse sono costretti a tentar fortuna alle Albere, nella speranza di trovare un posto. E così anche domenica.

 

“Già prima dell’apertura davanti alla Buc – spiegano dal collettivo - si forma una vera e propria tonnara data la quantità di gente in fila per accaparrarsi un posto. In un periodo in cui sono stati approvati forti tagli alle borse di studio, sono stati spesi milioni e milioni di euro per una biblioteca molto bella, ma fuori mano, e dalla capienza insufficiente per le esigenze della componente studentesca trentina”.

Una situazione che fa dire ai rappresentanti del Collettivo Refresh di essere davanti “all’ennesimo diritto negato, la conferma che la governance universitaria, come quella cittadina e provinciale, considera la componente studentesca come un oggetto da poter spostare a piacimento”

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

Una riforma che viene presentata e spiegata tra le elezioni amministrative. Magari un sindaco può anche essere d'accordo e un successore potrebbe trovarsi a incassare un iter iniziato da altri. Poi c'è la partita operatori. Tra scorporazioni e nuovi assetti si ipotizza uno spezzatino per arrivare a 10 Aziende per il turismo. Il punto di partenza sono 15 Apt e 5 Consorzi Pro loco. Il rischio è di non soddisfare nessuno e vedere nascere Pro loco ovunque

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato