Contenuto sponsorizzato

Tessera dei servizi provinciale: già 150 mila trentini si sono digitalizzati. Ora si avrà accesso anche al sistema nazionale

Siglato l'accordo tra la Provincia e l'Agenzia per l'Italia digitale: gli utenti trentini che si accrediteranno potranno accedere anche ai servizi di Aci, AgCom, Agenzia delle Entrate, Equitalia, Inail, Inps e Unioncamere

Pubblicato il - 03 novembre 2016 - 10:29

TRENTO. Procede spedita la marcia per digitalizzare i cittadini trentini anche per quanto riguarda l'accesso ai servizi della pubblica amministrazione. Ad oggi, infatti, sono già 150 mila i residenti che utilizzano la carta provinciale dei servizi (sono circa 50 erogati da tutto il sistema pubblico trentino tra Provincia, Comuni, Comunità di Valle, Azienda provinciale per i servizi sanitari, Trentino riscossioni e da alcuni enti centrali come l'Agenzia delle Entrate e l'Inps). Ieri la Giunta ha approvato la convenzione tra Provincia e Agenzia per l'Italia digitale (Agid) sancendo l'adesione al progetto Spid, il sistema pubblico di identità digitale promosso dal governo per utilizzare, con un'identità digitale unica, i servizi online della pubblica amministrazione.

 

In questo modo oltre ai servizi già previsti con la card provinciale i cittadini trentini potranno accedere ai servizi abilitati di Aci, AgCom, Agenzia delle Entrate, Equitalia, Inail, Inps e Unioncamere. Per chiedere le credenziali Spid basta farlo online collegandosi a uno dei portali dei gestori accreditati presso l'Agenzia per l'Italia digitale. Questo per i circa 150 mila utenti che già dispongono della card provinciale. Per gli altri continua la campagna di registrazione negli oltre 200 sportelli presenti sul territorio. Ogni mese si registrano in media 50 mila accessi al portale. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 16:08

Secondo una bozza del monitoraggio dell'Iss "Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano sono state classificate a rischio 'Alto' per la terza settimana consecutiva; "questo prevede specifiche misure da adottare a livello provinciale e regionale"

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

21 gennaio - 19:01

Promettono sconti in bolletta e sul canone Rai spacciandosi per operatori di Dolomiti Energia, in realtà è una truffa che serve a far sottoscrivere nuovi contratti all’insaputa degli utenti. L’azienda mette in guardia dai raggiri: “In questi giorni abbiamo ricevuto diverse segnalazioni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato