Contenuto sponsorizzato

A Paganella ovest inaugurate due colonnine elettriche alimentate da una pala eolica

Questa iniziativa si inserisce all’interno di una visione che va dallo sfruttamento dell’energia solare attraverso la barriera di Isera all’investimento sull’idrogeno a Bolzano, ma anche dalla produzione di energia eolica nell’area di servizio Paganella est alla dislocazione di ormai più di 20 colonnine elettriche lunga lo tratta Affi-Brennero

Pubblicato il - 19 ottobre 2017 - 20:26

TRENTO. All'area di servizio Paganella ovest sono entrate in funzione due nuove colonnine elettriche universali e compatibili con tutte le case automobilistiche, disponibili gratuitamente per tutti gli utenti e rappresentano un impegno di Autostrada del Brennero per una mobilità sostenibile e 'Green'.

 

Questa iniziativa si inserisce all’interno di una visione strategica ben più ampia che va dallo sfruttamento dell’energia solare attraverso la barriera di Isera, all’investimento sull’idrogeno con la creazione del centro di produzione a Bolzano, ma anche dalla produzione di energia eolica nell’area di servizio Paganella est alla dislocazione di ormai più di 20 colonnine elettriche lunga lo tratta da Affi fino al Brennero.

 

"Una colonnina di nuova generazione - spiega Carlo Costa, direttore tecnico di A22 - per approvvigionare tutte le vetture. Energia elettrica prodotta dal rinnovabile, qui c'è una pala eolica che produce energia che viene distribuita. Un percorso virtuoso che intendiamo sviluppare lungo tutta la tratta del Brennero".

 

Due le tipologie di colonnine installate giovedì 19 ottobre. La prima a 'ricarica rapida' (fast charge) per garantire una ricarica efficace nel tempo di una pausa caffè. La seconda invece ha una potenza minore al fine di eliminare i tempi di attesa nel caso la prima fosse già occupata, oltre a supportare un eventuale disservizio temporaneo della 'rapida'.

 

Entrambe inoltre sono già dotate della predisposizione necessaria per supportare potenze di ricarica maggiore e modelli tecnologici che si affacceranno in un futuro prossimo sul mercato, rimanendo in questo modo impianti di servizio competitivi e all’avanguardia.

 

Il tutto a impatto zero, in quanto il loro fabbisogno sarà garantito dalla produzione di energia della pala eolica nell’area Paganella est, creando così un ciclo di produzione basato su un’unica inesauribile risorsa: il vento.

 

L’utilizzo di energia elettrica riduce dell’85% l’emissione in atmosfera di anidride carbonica. Ad oggi, le colonnine elettriche in A22 hanno effettuato circa 1.900 sessioni di carica, per un totale erogato di 22.000kWh e 49 tonnellate di CO2 in atmosfera in meno.

 

"A22 - conclude Walter Pardatscher, amministratore di A22 - è sempre vicina agli interessi dei territorio e investe da sempre nell'ambito della sostenibilità. Abbiamo investito nell'idrogeno e ora anche nell'energia elettrica". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato