Contenuto sponsorizzato

Anche la Pro Loco del Monte Bondone partecipa all'aumento di capitale di Trento Funivie

La Pro Loco sta cercando di acquistare un pacchetto azionario del valore di diecimila euro raccogliendo i fondi tra i soci e gli amici del Bondone. Costa: "Un segnale positivo con un'azione concreta. L'obiettivo è in vista, mancano le ultime quote"

Di Luca Andreazza - 06 dicembre 2017 - 18:02

TRENTO. Scade al 31 dicembre la possibilità di partecipare all'aumento di capitale disposto da Trento Funivie. E anche la Pro Loco del Monte Bondone si fa largo per entrare nella compagine attraverso l'acquisto di un pacchetto azionario dal valore di diecimila euro.

 

"I fondi - spiega il presidente Sergio Costa - vengono messi a disposizione dei soci e amici della nostra realtà. Tutto questo per dare un segnale positivo con un'azione concreta, si tratta inoltre di un'occasione per manifestare il nostro costante impegno nella promozione e valorizzazione del territorio".

 

La strada per aderire all'aumento di capitale è lunga e in salita, ma la scalata per sedersi nella stanza dei bottoni di Trento Funivie in circa un mese ha già raggiunto la cifra di circa 7.500 euro. "L'obiettivo è vicino e possibile - aggiunge il presidente - più siamo e meglio sarà per comporre una ‘numerosa quota collettiva’, tutti azionisti con una sola azione. L'ambizione sarebbe quella di riuscire a prendere anche una seconda quota". 

 

La Pro Loco auspica che l’iniziativa riesca a ottenere un'ampia partecipazione da parte di tutti quelli che condividono questa idea, ai quali viene richiesta una piccola adesione: "Un gesto simbolico - prosegue - ma significativo e allo stesso tempo efficace per convincere l'ente pubblico a sostenere futuri investimenti importanti". 

 

Il contributo che la Pro Loco chiede è una piccola partecipazione, anche da 50 o 100 euro. "Gli importi - dice il presidente - sono discrezione delle possibilità e della sensibilità che ognuno nutre nei confronti degli obiettivi di questo progetto. Per aderire basta sottoscrivere il modulo di adesione della Pro Loco che si trova sul sito (Qui info). Nel caso in cui l’obiettivo di 10 mila euro non dovesse essere raggiunto, la Pro Loco restituirebbe immediatamente le quote già versate".

 

Un'iniziativa che mostra la coesione e unione dei soci, oltre 150, della Pro Loco. Associarsi a questa giovane e dinamica realtà nata solo nel 2015 costa 10 euro all'anno, i prezzi sono davvero popolari e a portata di qualunque tasca per un'associazione che organizza e sostiene diversi eventi e tante manifestazioni nel corso dell'anno come il 'Bondone day', 'Viote tra cielo, terra e stelle', 'Festival dell'aquilone' e 'Carnevale in Bondone', cosìcome numerosi concerti e spettacoli di stampo culturale.

Un programma impreziosito dall'ideazione delle iniziative 'Pro Loco Pro World' per coinvolgere un gruppo di richiedenti asilo nella gestione del bene pubblico e la 'Festa della Madonna delle nevi' per celebrare la Madonna della Neve protettrice degli sciatori e ricordare con una speciale tavola rotonda l'architetto Ettore Sottsass progettista della chiesetta alpina di Vaneze in occasione del recente restauro. "Tanti eventi - conclude Costa - in sinergia con le realtà del territorio, dal Muse all'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, dalle amministrazioni locali all'Associazione operatori, da Trento Funivie all'Associazione iniziative turistiche Candriai, da Dolomiti Energia alla Strada del Vino, dall'Azienda forestale agli alpini di Sardagna, dalla Croce rossa allo Sci club Monte Bondone".

 

A questo si aggiungono anche attività di manutenzione e cura del territorio, come la cabina elettrica, la messa in sicurezza dell'area giochi di Vaneze, la collocazione di nuovi cestini, la nuova cartellonistica stradale e lo sfalcio dell'erba.

 

La pratica dello sci sul Bondone affonda le radici all'inizio degli anni '40, quando la società 'Graffer' ha realizzato i primi impianti, in particolare la memoria corre allo 'slittone', primo impianto di risalita nell'arco alpino. Nel 1990 il passaggio di mano, la 'Graffer Bondone' ha venduto la proprietà a 'Funivie Monte Bondone', appositamente costituita dalla 'Funivie Folgarida Marilleva'. 

 

Nel 2001 è stata costituita invece Trento Funivie, che gestisce a tutt’oggi la Skiarea del Monte Bondone, mentre dal 2015 direzione, controllo e coordinamento sono finiti a Trentino sviluppo. I ricavi sono di 2.651.691 euro (esercizio 2016/2017), mentre i passaggi sugli impianti sono 1.224.305 (esercizio 2016/17). I dipendenti sono 37 (11 fissi e 26 stagionali) e negli ultimi anni la società ha investito nella sostituzione dell'impianto Montesel, l'acquisto del tapis Roulant del Campo scuola, il completamento immobile Bar Ristorante Rocce Rosse, l'acquisto Skibar Bondonero e la sostituzione ed ammodernamento impianti innevamento, ma anche il livellamento piano sciabile, la sostituzione un mezzo battistipista, il rifacimento snowpark e la realizzazione impianto illuminazione snowpark.

 

Dopo aver chiuso il bilancio in positivo (Qui articolo) Trento Funivie si prepara a chiudere anche questa sfida e la situazione è molto fluida, tante le richieste di adesione, a meno di un mese sono 400 mila euro i fondi sottoscritti a fronte dei 600 mila previsti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 12:06

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 5.549 casi da inizio epidemia. Ci sono 106 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre sono 8 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 25 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

22 ottobre - 13:20

E' successo in tarda mattinata e sul posto sono interventi i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Non si conoscono al momento le cause che hanno fatto scoppiare l'incendio 

22 ottobre - 12:45

Alberti è anche l’autore del celebre Cristo Silente, la grande scultura che si trova nelle acqua del Garda a porto San Nicolò. Oltre all’arte, la sua vita è stata dedicata alla famiglia e alla collettività, con l’impegno nel volontariato e in Consiglio comunale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato