Contenuto sponsorizzato

Addio allo storico negozio di animali vicino a Piazza Fiera. Dopo trent'anni chiude i battenti ''Florafauna''

Da domani non ci sarà più. Il titolare Giorgio Bianchi: "Il palazzo dovrebbe essere ristrutturato. Tra queste volte antichissime un tempo si trovava un fruttivendolo ma noi oggi abbiamo bisogno di nuovi spazi ed è per questo che ci troverete a Vete Azzurra, in via Torre Verde''

Di Luca Pianesi - 13 aprile 2018 - 13:31

TRENTO. In centro a Trento erano un punto di riferimento per tutti gli amanti degli animali. Da domani, dopo quasi 30 anni di attività chiude i battenti lo storico negozio "Florafauna" di via degli Orti, quello a due passi da Piazza Fiera, quello che generazioni di bambini andavano a visitare anche solo dall'esterno o nell'atrio, perché aveva di tutto, dai criceti ai conigli, dai pesci alle tartarughine, dagli uccellini ai cuccioli di cani e gatti (quando la legge lo permetteva). "Gli anni sono passati anche per questo immobile - spiega il titolare Giorgio Bianchi - un palazzo storico con volte alte tre metri e colonne del 1.200 che però avrebbe bisogno di qualche restauro. Un restauro che dovrebbe partire dall'alto e dovrebbe riguardare tutto il palazzo che, però, è rimasto completamente sfitto ormai quindi a noi non resta che spostarci". 

 

Ovviamente un po' a malincuore. "Lo abbiamo costruito in questi anni - prosegue Giorgio - un passettino alla volta. Gradualmente abbiamo alzato gli scaffali, portato le vasche per i pesci, visto crescere e cambiare i nostri clienti e le loro esigenze. In questi anni, infatti, c'è stata una grande evoluzione nel modo in cui ci si rapporta con gli animali. Si pensi che il primo negozio di animali di Trento risale agli anni della guerra e vendeva galline e galli vivi ad uso agricolo e come alimento. Poi era arrivato negli anni '50 il nostro predecessore, in Piazza Garzetti, rimasto lì fino agli anni '80 che era un negozio che vendeva di tutto dai fitofarmaci, ai veleni per le piante, al mangime per cani e gatti. E che poi si è spostato qui, in via degli Orti, dove poi sono arrivato io". 

 

Florafauna chiude i battenti

 

Giorgio ha trascorso buona parte della sua attività lavorativa sotto le volte del Florafauna "uno spazio che prima era adibito a magazzino per frutta e verdura perché è il classico immobile che resta freddo d'estate e caldo d'inverno - aggiunge ancora - e che, poi, una volta divenuto negozio per animali faceva parte dei punti vendita di Veterinaria Tridentina assieme a quello di via Palermo e a Vete Azzurra, la parafarmacia veterinaria di via Torre Verde". Ed è proprio in via Torre Verde che si trasferirà Giorgio con la collega Sonia Zanetti. "Ci trasferiamo a Vete Azzurra - completa - così in quegli spazi ci sarà sia il negozio, con tutto quel che si trovava nel nostro, che la parafarmacia veterinaria".

 

Una struttura completa in spazi moderni e più razionali a due passi dal centro. Resta, però, che un pezzo di storia del commercio trentino se ne va portandosi via i ricordi di tanti avventori che lo hanno frequentato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 novembre - 05:01

Caritas diocesana e Fondazione Comunità Solidale restituiscono la fotografia delle povertà sul territorio provinciale, con numeri in leggera crescita rispetto lo scorso anno. “Tanti stranieri utilizzano i servizi di accoglienza come punto di riconoscimento e di appoggio per avere un luogo sicuro dove pernottare in attesa dei documenti”

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato