Contenuto sponsorizzato

''I tempi sono cambiati, è ora di andare in pensione'', il calzolaio di via Giusti pronto a chiudere bottega entro fine anno

Francesco Nicosia da 26 anni lavora in proprio ma è da oltre 40 che è nel settore: ''Da dopo il 2011 è stato una lento declino. Avrei voluto proseguire ancora ma è giusto cedere il passo''

Di Luca Pianesi - 10 febbraio 2019 - 15:34

TRENTO. ''Niente di tragico, state tranquilli. Semplicemente ho deciso che accetterò di andare in pensione perché i tempi sono davvero cambiati e il mercato è troppo calato per restare in attività''. Così Francesco Nicosia uno dei calzolai storici di Trento che ha la sua bottega in via Giusti, da 26 anni lavora in proprio e da oltre 40 si destreggia tra cuoio, tacchi, borse, chiavi e oggetti in metallo. Una vita dedicata a una professione storica, antica, nel '200 inserita, a Firenze, tra le prime corporazioni delle arti e dei mestieri. Artigiani a tutto tondo che hanno caratterizzato borghi e cittadine praticamente da sempre, figure importanti perché riparavano, aggiustavano, creavano nuove soluzioni.

 

Oggi i tempi sono cambiati se è vero che borse, scarpe, cinture rovinate si fa prima a buttarle e sostituirle che a portarle a riparare. ''E anche i macchinari andrebbero tutti aggiornati - ci spiega Francesco - a chi verrà dopo di me consiglio infatti di investire su strumenti moderni, facili da usare e rapidi nell'eseguire gli interventi. Io ho lavorato per una vita e avrei voluto proseguire ancora, finché era possibile, perché non è facile lasciare la bottega. Però, obiettivamente, i clienti sono diminuiti sempre di più. Dal 2011, da quando la crisi è arrivata anche a Trento, è stato un lento declino. Oggi non avrebbe senso rinnovare macchine e strumenti. Credo proprio che saranno gli ultimi mesi di lavoro, questi, non ho intenzione di tenere aperto fino alla fine dell'anno. Andrò in pensione prima''.

 

Nessun 'caso' quindi: qualche giorno fa, infatti, sui social era circolato l'annuncio che Francesco Nicosia era in grande difficoltà addirittura che non riusciva a pagare il riscaldamento del suo locale e si invitava la gente ad andare da lui per sostenerlo. ''Ma no, non è vero - ci spiega - non so come è uscita questa cosa. Me lo hanno segnalato anche a me questo post e abbiamo chiesto di rimuoverlo. Qui tutto bene. Forse hanno sentito che avrei chiuso nei prossimi mesi e hanno pensato a chissà ché ma in realtà è solo perché ho deciso di accettare di andare in pensione. La nostra attività negli anni è andata sempre più riducendosi, è un mestiere antico il nostro ed è ora che anche io ceda il passo''.

 

Ma per qualche tempo Francesco lo troverete ancora lì, in via Giusti 22 e magari, chissà, con tante commesse e richieste di lavoro nuove riuscirete a fargli cambiare idea.  

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

23 febbraio - 11:50

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

22 febbraio - 20:00

Nei prossimi mesi anche l'Arcidiocesi di Trento aprirà un nuovo sportello contro gli abusi interni alla chiesa. Nell'ultima relazione fatta dalla diocesi di Bolzano - Bressanone i casi di abusi sessuali e violenze sono stati undici  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato