Contenuto sponsorizzato

Da Vergot ai progetti per il Dolomiti Pride e l'Adunata e i Black Circus la storia della regista Cecilia Bozza Wolf

E' una delle giovani finaliste della scorsa edizione di Strike!. Qui ci spiega come anche i fallimenti l'abbiano aiutata a crescere e come sia riuscita a ritagliarsi un suo spazio importante facendo squadra con altri giovani professionisti 

Pubblicato il - 17 luglio 2018 - 18:35

TRENTO. Da “Vergot” verso nuovi traguardi cinematografici. A più di un anno dall'uscita del suo film pluripremiato, la regista Cecilia Bozza Wolf fa il punto della situazione attuale e guarda al futuro fatto anche di videoclip per i gruppi musicali emergenti trentini e nuove direzioni cinematografiche assieme alla VergotFilms. Nel mezzo la partecipazione a Strike!, dove è rientrata tra i 10 finalisti, che l'ha aiutata molto a livello personale e l'ha resa consapevole di quanto di buono ha fatto finora e aiutata a valorizzare sé stessa e dare la giusta importanza ai fallimenti. 

 

“Esperienza sicuramente molto interessante quella di Strike! – ammette Cecilia - perché mi ha costretta a rivedere tutto il mio percorso fatto fin lì. Girare il video dove ho fatto una mia presentazione inizialmente mi ha imbarazzato un po' e fatto sentire autoreferenziale, ma in realtà mi ha aiutato a fare il resoconto di quanto fatto. In realtà ho svolto anche un'autoanalisi inaspettata perché solitamente non ci si ferma così spesso a ragionare su un elenco dei traguardi raggiunti; troppo spesso, invece, si dà più peso ai fallimenti, ai progetti non completati perché purtroppo i successi si danno per scontati o come naturale conseguenza. Ho riguardato come e dove ho fallito, ma ho scoperto che questi fallimenti sono stati produttivi, mi hanno dato più forza e determinazione e sono stati l'embrione per fare qualcosa di nuovo e di migliore". 

 

"Anche se magari non porterà collaborazioni lavorative - ha aggiunto - ho conosciuto diverse persone come Nicola Dobnik, Maria Vittoria Barrella che vengono dalle mie stesse zone e altra gente che si è data parecchio da fare per realizzare un sogno, in un contesto difficile. In un momento in cui ci si deve abituare alle porte sbattute in faccia e non abbattersi, e basta un attimo per farlo perché non è l'epoca dei nostri genitori dove era più facile emergere, è bello vedere che non si è soli e che ci sono altri come te che provano a combattere contro un sistema che non valorizza i giovani”.

 

Dall'estate del 2017 sono nate diverse collaborazioni e nuove opportunità: “Accanto al lavoro con Artesella, di cui curo la parte video, al momento sto lavorando a nuovo film, un finzione/documentario un po' particolare sperimentale, del quale abbiamo appena finito la sceneggiatura. Si tratta di un film senza attori professionisti, un po' sulla scia di Olmi e Pasolini: si “ingaggiano” le persone nel posto dove si gira e si cerca di costruire una storia di finzione attorno ai loro caratteri e alle loro storie. Un po' un percorso al contrario rispetto a quello che si fa solitamente. Rispetto all'anno scorso posso dire di non essere più sola nel mio lavoro. Nella VergotFilms, anche se non è una società perché per ora non possiamo permettercelo, si è creato un gruppo di persone, di liberi professionisti, che collaborano assieme: c'è un fonico, un giovanissimo produttore, chi si occupa delle riprese aeree con i droni e fa pure l'attore, chi fa il montatore e così via. Proveniamo principalmente da Trento e dalla Valle di Cembra ma c'è anche chi ho incontrato alla scuola Zelig e proviene dalla Puglia o lavora a Bruxelles. Unica caratteristica in comune: siamo tutti under 30”.

 

E la freschezza delle idee derivante dalla collaborazione tra giovani si riflette anche sulle scelte dei soggetti cinematografici: “Recentemente – conclude Cecilia – abbiamo concluso le riprese per un documentario che mette insieme il Gay Pride e l'adunata degli Alpini nell'obiettivo di raccontare una Trento diversa. Assieme al gruppo sto girando diversi videoclip per le band musicali trentine. Su Youtube e Vimeo si può trovare il video realizzato per i Black Circus, in realtà è quasi un corto. A breve gireremo la continuazione in quanto le canzoni sono due, ma i video sono collegati tra loro come in un'unica storia. Altri due video li abbiamo fatti per Lessness e a breve gireremo altre due clip per altrettanti gruppi musicali della Valle di Cembra. Sono molto utili per trovare date, per farsi ascoltare e farsi conoscere”.

 

Esattamente come Strike! Per partecipare info e iscrizioni entro il 30 luglio sul sito www.strikestories.com.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato