Contenuto sponsorizzato

Dal libro alla pallamano e al disco di poesie, la storia di Gianmarco Fontana: "La diplegia spastica non mi ha fermato"

Il giovane di Trento, classe 1998, è stato operato già dieci volte alle gambe, ma tra flebo e corsie di ospedale ha approfondito la passione per la scrittura

Di Luca Andreazza - 01 marzo 2018 - 20:22

TRENTO. Un libro e un disco alle spalle, ma anche quattro anni di pallamano. Particolarità? E' affetto da diplegia spastica fin dalla nascita, cioè una malattia legata ai coordinamenti della mobilità. Ma questo non ha mai fermato Gianmarco Fontana, classe 1998, di Trento. 

 

Un infinito numero di vite in appena vent'anni tra un'infanzia travagliata sballottato tra assistenti sociali e comunità, oltre dieci operazioni alle gambe, medici, flebo e corsie di ospedale. "Ho capito - spiega il giovane - molto presto di avere qualcosa di diverso e la mia crescita non si è mai potuta ritenere 'normale' come quella dei miei coetanei".

 

La diplegia spastica non è riuscita a fermarlo neppure nell'attività sportiva. "Non mi sono mai limitato - aggiunge Fontana - anzi ho sempre cercato di dare il meglio in tutto: nella pallamano sono riuscito a trovare i miei spazi".

 

Un modo per superare il pregiudizio delle persone. "E' stato un bel percorso - ammette il ragazzo - ma anche una grande soddisfazione riuscire a sfatare alcune situazioni in tutti l'ambiente circostante. Fisicamente ero al top, anche se i muscoli e ossa sono chiaramente più delicati". E dopo quattro anni a buon livello con il Bondone arriva uno stop forzato per infortunio.

 

Il ragazzo però non si è perso d'animo, non si è abbattuto. "Questo infortunio - commenta - ha spezzato un sogno, ma è riuscito a accendere un'altra lampadina. In quel periodo ho, infatti, approfondito e riconosciuto un'altra passione, quella per la scrittura".

 

Un amore per la letteratura che porta Fontana a leggere, ma soprattutto a scrivere. Inizia a riprendere quelle righe buttare giù in diverse pagine, magari confuse e scritte di getto. Pensieri e poesie che restano lì per un po', fino a quando non iniziano a districarsi. 

 

"Ho superato - prosegue Fontana - tante insicurezze e sono riuscito a terminare la pubblicazione. Un concentrato di anni di sofferenze e amicizie infrante, ma anche gioia e riscatto, scelte giuste e quelle sbagliate".

 

Un modo per fuggire anche dalla malattia, prima di metabolizzare quella condizione e riuscire a trovare la forza di emergere. "In effetti - commenta - era un modo per fuggire: ho fantasticato spesso tra mondi paralleli per superare quella situazione e sentirmi libero da infermieri e ospedali. Poi ho deciso di dare una forma migliore a quei pensieri e ho visto che ai miei amici piaceva: sono stati i loro sorrisi, le loro critiche e i loro complimenti a convincermi".

 

Esce così 'Remì Ryan', che "non è - dice - lo specchio della mia vita, ma lo rappresenta sotto tanti aspetti. Una situazione però comune a quella di tanti altri: spesso da grandi delusioni crescono con il tempo persone forti e arriva anche una felicità incontrastabile".

 

Nel frattempo nasce così il Collettivo Young family, un gruppo di amici che ruota attorno al rione di San Martino. Tra quelle vie si rafforza l'amicizia con Cristiano Bevilacqua e Maurizio Gretter, entrambi classe 2002. Da questa unione arriva il passo successivo, cioè un video per lanciare il libro. Un prodotto autofinanziato, l'importo è di appena 500 euro, ma interamente raccolti tramite piccoli lavoretti. 

Un video girato tra piazza VeneziaPort'Aquila e Villa S. Ignazio. "Un'ambientazione - dice il giovane - per ricordare la selva oscura di Dante. Inizialmente avevamo ottenuto tutti i permessi per girare al cimitero di via Giusti, ma il risultato era quello di immagini troppo forti e abbiamo deciso di fare un passo indietro". 

 

Il risultato però è ottimo e il video diffuso sui social in poche ore sfonda la barriera delle 5 mila visualizzazioni. "Una grande sorpresa e quindi abbiamo deciso di registrare un disco particolare - conclude Fontana - non a base di rap come tanti si sarebbero aspettati, ma di poesie". E il futuro sono collaborazione all'orizzonte con un gruppo di Bolzano e agganci a Milano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato