Contenuto sponsorizzato

Dolomiti Pride, l'orgoglio oltre i confini. Arcigay: ''Il 9 giugno festa di tutti, nessuno escluso''

Presentato il logo con i colori della bandiera rainbow e la sky-line dei monumenti di Trento, Bolzano e Innsbruck. Zanella: "Sarà un pride comunitario, una festa di tutta la città, di tutti i territori delle Dolomiti"

Di Donatello Baldo - 16 febbraio 2018 - 19:27

TRENTO. "Orgoglio oltre i confini", questo lo slogan del Pride delle Dolomiti che si svolgerà a Trento il 9 giugno prossimo. Il logo, con i colori della bandiera rainbow, riporta la scritta stilizzata e sullo sfondo la sky-line dei monumenti delle città di Trento, Bolzano e Innsbruck

Il Pride delle Dolomiti sarà infatti 'di frontiera' perché unirà Trentino, Sudtirolo e Tirolo. "Il confine sarà la metafora - spiega Paolo Zanella di Arcigay - un dialogo tra identità e alterità. Il confine è anche margine, quello in cui vengono lasciati gay e lesbiche colpiti dall'omofobia".

 

Ma il confine è anche il confino, il luogo politico-amministrativo in cui le persone omosessuali venivano relegate dal fascismo, allontanate perché devianti. "Ma dal confine nasce anche il dialogo - spiega Zanella - passa da qui il riconoscimento dell'altro". 

"Il pride - ricorda il presidente di Arcigay - non è dei gay per i gay. E' una giornata di tutti i cittadini e le cittadine, perché gay, lesbiche e tras sono lavoratori, disoccupati, padri, madri, figli, figlie. Sono migranti, giovani e anziani".

 

Tutti sono invitai, "perché il pride è di tutti e tutte". Anche delle famiglie, anche di quelle omogenitoriali, anche dei genitori di figli omosessuali. "Sì - dice Mario Caproni di Agedo, l'associazione dei familiari di gay e lesbiche - anche noi ci saremo, orgogliosi dei nostri figli".

 

Un documento di 33 pagine affronta le questioni politiche ed è stato condiviso tra le associazioni promotrici. "Sosteniamo che non c'è un unico modello di famiglia - spiegano gli organizzatori - e che all'interno di quelle omosessuali c'è anche il desiderio della genitorialità".

 

Un desiderio che però deve fare i conti con le limitazioni imposte dalla legislazione statale: la gestazione per altri è vietata, sono vietate le adozioni, è vietata anche la step-child adoption. "Va aperta una seria  riflessione bioetica e giuridica su come consentire a gay e lesbiche di diventare genitori", spiega Zanella.

 

Nella prima conferenza stampa di presentazione le associazioni omosessuali presentano sponsor e partner dell'iniziativa. Promosso da Arcigay, Centaurus, Rete Elgbtqi*, Agedo e Famiglie Arcobaleno, il Pride delle Dolomiti ha già raccolto molte adesioni.

 

Tra le prime quelle dei sindacati Cgil, Agb, Uil. In sala, durante la presentazione, Walter Alotti e Franco Ianeselli. "Orgogliosi di essere tra i sostenitori - scrive su Facebook quest'ultimo - e a chi ci dice che dobbiamo pensare agli operai e non ai gay,  rispondiamo che ci occupiamo proprio dei diritti e delle tutele di tutte le persone che lavorano, nel rispetto e nel valore delle diversità".

 

Tra le adesioni anche quelle delle associazioni trentine e bolzanine che si occupano di lotta all'Aids, l'associazione omosessuale austriaca Hosi Tirol, le associaizoni Ali aperte e ConEducazione che si occupano di pedagogia, il consultorio del capoluogo sudtirolese, i Giuristi democratici, i Laici del Trentino, i teatri San Marco e delle Quisquilie, oltre all'Anpi presente alla presentazione con il suo presidente Mario Cossali

 

"Da oggi saranno attivate le pagine Facebook e il sito ufficiale - spiegano gli organizzatori - e parte anche il crowdfunding. Ma si può sostenere il Dolomiti Pride anche attraverso il volontariato e la partecipazione con i carri che sfileranno per la città".

 

"Sarà un pride comunitario - conclude Zanella - una festa di tutta la città, di tutti i territori delle Dolomiti. Questo appuntamento sarà parte dell'Onda pride - spiega - di tutti i pride che nel mese di giugno si alterneranno in tutto il Paese". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 13:11

Parliamo di errore perché non potrebbe essere altrimenti. Il presidente della Pat ha pronunciato queste parole questa mattina in consiglio provinciale illustrando l'assestamento di bilancio 2019-2021 ed è la frase è anche nel documento. ''Un miracolo che può riuscire solo all'assessore alla conosc(i)enza Bisesti'', commenta l'ex assessora Sara Ferrari. In realtà, si immagina, volessero scrivere Alta formazione professionale (e non università) 

22 luglio - 12:08

Lo slogan è : "Ali per volare, radici per amare". La nuova associazione ha come obiettivo quello di ascoltare e aiutare le persone che stanno vivendo una situazione di disagio ma anche attività di sensibilizzazione, approfondimento e valorizzazione. Già in cantiere il primo “Festival AMOHABIA: il festival della donna indipendente”

22 luglio - 13:32

Un presidente molto prudente nel rispondere alle opposizioni su quanto avvenuto nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 luglio, quando l'orso è stato catturato ma è scappato. Fugatti ammette di aver esagerato quando si era spinto a chiedere le dimissioni di Ugo Rossi per incapacità gestionale

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato