Contenuto sponsorizzato

Donne e lavoro, il 60% si sente discriminata su occupazione e avanzamento di carriera

Il Cna del Trentino ha presentato il rapporto 'Donne, lavoro e imprese': "Occorre rimuovere agli ostacoli alle pari opportunità". Nel 2018 sarà realizzato un apposito sportello in grado di divulgare informazioni sulla conciliazione lavoro-famiglia

Pubblicato il - 01 gennaio 2018 - 17:29

TRENTOQuasi il 60% delle lavoratrici ritiene di aver subito delle discriminazioni sul lavoro perché donne. Questo il risultato dello studio condotto dal Cna del Trentino dopo aver intervistato 250 donne referenti d'impresa e 502 dipendenti o lavoratrici autonome. 

 

Un tema al centro del convegno 'Donna, lavoro e imprese - Per migliorare l'occupazione femminile e prevenire la violenza economica' organizzato da Cna e Cat Cna del Trentino con il supporto del servizio politiche per le pari opportunità della Provincia di Trento. 

 

I lavori sono stati aperti da Andrea Benoni, presidente di Cna del Trentino, che ha illustrato il ruolo dell'associazione di categoria connessa alle imprese e al territorio.

"L'attività imprenditoriale - spiega Luciano Pilati, docente di Economia all'Università di Trento - rappresenta un'opportunità per le donne, ma l'indagine dimostra che non c'è ancora consapevolezza di questo aspetto. Occorre che le donne si orientino verso la gestione di imprese e il lavoro autonomo".


(Da sinistra il professore Luciano Pilati, Andrea Benoni e Antonella Rizzo)

Il professore ha presentato anche i risultati della ricerca 'Donne in imprese. Oggi e domani armonia vita-lavoro', realizzata dall'Università La Statale di Milano, un progetto di Cna del Trentino avviato lo scorso marzo attraverso il finanziamento della Provincia di Trento in collaborazione con la Fondazione Famiglia Materna, Fm Impresa sociale, le Comunità Rotaliana-Königsberg e Vallagarina, i Comuni di San Michele all'Adige, Andalo, Brentonico, Lavis, Calliano, Ronzo-Chienis e Folgaria.

 

"Donne in impresa è un'opportunità di sviluppo per tutto il Trentino- aggiunge Pilati - ma occorre rimuovere gli ostacoli alle pari opportunità. La difficoltà di conciliare la maternità con l'attività lavorativa rappresenta un punto debole. La denatalità sta galoppando anche in Trentino. L'Autonomia diventi strumento per imprimere slancio originale per la conciliazione lavoro-famiglia è come contrasto alle discriminazioni di genere".

 

Da marzo a oggi, infatti, anche attraverso i canali dei partner, Cna del Trentino ha eseguito un'analisi di contesto, intervistando 250 donne referenti d'impresa e 502 donne dipendenti o lavoratrici autonome. Dall'analisi emerge che in Trentino quasi il 50% delle intervistate come referenti d'impresa ritiene che le donne subiscano discriminazioni sul lavoro, in particolare nell'avanzamento di carriera e nel trattamento in generale sul posto di lavoro.

 

Un fenomeno ritenuto molto diffuso in Trentino per il 24,4% delle intervistate, abbastanza diffuso per il 41,2%. Tra gli altri dati salienti, il 35,6% ritiene che la maternità incida molto sull'occupazione o sull'avanzamento di carriera, il 40% crede che incida abbastanza. Sulle nuove assunzioni il fattore maternità o matrimonio per una donna viene valutato molto nel 34,4% dei casi, abbastanza nel 33,5%.

 

Tra le lavoratrici intervistate, invece, il 57,57% ritiene di aver subito discriminazioni sul lavoro: il 16,6% per l'avanzamento di carriera, il 28,03% implicitamente per essere donna, il 22,49% per pregiudizi su professionalità e competenze.

 

La maternità ha inciso negativamente sul lavoro per il 43,13% delle intervistate, mentre ha inciso negativamente per l'avanzamento di carriera per il 34,73%. Alla domanda se riesce a conciliare lavoro e famiglia, il 38,62% risponde poco, il 35,17% abbastanza, l'8,97% molto, il 13,1% perfettamente, solo il 4,14% per nulla.

 

Lo sviluppo del progetto, nel 2018, sarà la realizzazione di uno sportello apposito in grado non solo di divulgare informazioni sulla conciliazione famiglia-lavoro, ma anche di accompagnare le imprese nella realizzazione di progetti e nella ricerca di appositi finanziamenti per realizzarli.

 

Oltre a Benoni e Pilati, hanno relazionato al convegno anche Ioana Pinizzotto (Famiglia Materna) sul tema 'Libere di fare: 'lavorare' contro la violenza economica', Ezio Cristofolini (Trentino Sviluppo) su 'Imprese femminili e giovanili: le opportunità della Provincia' e Antonella Rizzo (Cna Impresa Donna) su 'L'impresa declinata al femminile'.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato