Contenuto sponsorizzato

Dopo il post su Salvini Facebook ha cominciato a cancellare anche gli altri articoli. Complottone o semplice bug?

Ieri anche ilDolomiti, come altri siti e utenti del social, ha avuto problemi con la condivisione degli articoli e molti di voi ci hanno chiesto se li stavamo censurando cancellando i loro commenti. Non è stato così. Ecco cosa può essere successo

Di Luca Pianesi - 24 agosto 2018 - 12:26

TRENTO. Salvini sì o Salvini no. Anche questa volta il ministro dell'Interno conquista la ribalta della cronaca e anche questa volta si parla di lui. Si dice "Nel bene o nel malepurché se ne parli" e su questo motto il leader della Lega sta costruendo le sue fortune. Sta di fatto che ieri anche la nostra pagina Facebook ha avuto dei gravi problemi. I post si cancellavano automaticamente e tutto è cominciato dopo che abbiamo pubblicato questo articolo (LEGGI QUI) dal titolo ''A Pinzolo Salvini ne ha per tutti da Fico ai magistrati da Saviano all'informazione e alla Rai: 'Bufale su tutti i Tg, chi si fida più?'".

 

 

Ebbene sono bastati pochi minuti e il nostro post con tutti i vostri commenti (che in poco tempo erano già oltre un centinaio) è stato spazzato via e ogni post successivo che facevamo veniva cancellato (questo fino al tardo pomeriggio). Molti di voi ci hanno scritto per chiederci se eravamo stati noi a ''censurarli'', se non erano graditi i commenti ''pro'' o ''contro'' Salvini, e più in generale ci chiedevate cosa stesse accadendo. Noi stessi, onestamente, non lo abbiamo capito. Abbiamo scritto al social senza ottenere risposte e alla fine, come spesso si fa con le tecnologie, abbiamo aggirato il problema pubblicando la foto con il link in alto e atteso che le cose si sistemassero (pubblicando l'immagine qua sotto). Oggi le tesi erano delle più varie anche sui giornali nazionali.

 

 

La Stampa ha fatto un articolo spiegando che non ci sarebbe stato nessun complotto, semplicemente Facebook ha fatto uno dei suoi tanti aggiornamenti mensili e si è verificato un bug. Il Fatto Quotidiano, invece, ha gridato alla censura. Il giornalista Arnaldo Capezzuto nel suo blog intitolato "Salvini, anche il mio post su lui e la Diciotti è stato rimosso da Facebook" ha scritto che "non è da escludere che un’organizzata batteria d’attacco cioè gruppi di utenti, in questo caso sostenitori di Salvini, segnalino in massa i post contro il loro leader. Una delle ipotesi - prosegue il Fattoquotidiano.it - della rimozione dei post, potrebbe essere che i social ricevano le prime segnalazioni e mandino in spam i contenuti uno alla volta, se le segnalazioni però si ripetono in continuazione, scatta una rimozione automatica".

 

Noi non sappiamo cosa sia successo. Se davvero ci sia stato il complottone (non lo crediamo) o semplicemente Facebook abbia avuto dei problemi (anche perché sono stati bloccati anche post di altra natura che nulla c'entrano con la politica). Quel che è certo è che Salvini, volente o nolente, quotidianamente divide e scatena reazioni molto violente da una parte e dall'altra. I commenti dei suoi sostenitori spesso sono terribili (sulla diretta Facebook che ha fatto da Pinzolo mentre diceva che i bambini possono sbarcare dalla nave Diciotti in tantissimi gli scrivevano ''no'' e poi via con i peggio insulti su quei minori) come molte volte lo sono quelli dei suoi oppositori. Forse Facebook con i suoi algoritmi ha associato ai post con la parola "Salvini" linguaggi violenti e senza distinguere tra ''pro'' e ''contro'' nel dubbio li ha messi in quarantena segnalandoli come Spam (andando a colpire anche altri post dopo che in passato gli utenti ne avevano pubblicati su di lui) .

 

Ipotesi. Certo "chi semina vento raccoglie tempesta", diceva qualcuno ma qualcun'altro diceva che ''Nel bene o nel male purché se ne parli''. Oggi tutto è tornato alla normalità ma ci scusiamo, comunque, per i disagi e i post che sono stati cancellati, nostro malgrado. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato