Contenuto sponsorizzato

Itas e Irifor insieme per la prevenzione delle malattie della vista

Il nuovo progetto vede in particolare l'intervento dell'Unità mobile Oftalmica e fa tappa in nove località del Trentino per offrire ai soci assicurati della Mutua un appuntamento dedicato alla prevenzione della vista

Pubblicato il - 27 luglio 2018 - 13:13

 TRENTO. Prende sempre più forma la collaborazione tra Itas e Irifor, un piano pluriennale per sviluppare un progetto gratuito dedicato alla salvaguardia della salute dei cittadini.

 

Il nuovo progetto vede in particolare l'intervento dell'Unità mobile Oftalmica e fa tappa in nove località del Trentino per offrire ai soci assicurati della Mutua un appuntamento dedicato alla prevenzione della vista.

 

A bordo del camper dedicato alla prevenzione, personale specializzato con strumentazione all'avanguardia svolge uno screening alla vista per le principali patologie visive.

 

Dopo il primo appuntamento a Predazzo, questa iniziativa riprende in autunno e il calendario è fitto, da Rovereto (15 ottobre) a Riva del Garda (16 ottobre), da Tione (17 ottobre) a Lavis (18 ottobre), da Mezzolombardo (19 ottobre) a Malè (22 ottobre). E ancora Cles (23 ottobre), Levico (24 ottobre), Borgo (25 ottobre) e Trento (26 ottobre). 

 

La cooperativa sociale Irifor si occupa dal 2008 di prevenzione, riabilitazione, formazione e ricerca per persone cieche, ipovedenti e pluriminorate, mentre la collaborazione con Itas comincia nel 2016 e prosegue in questi anni con diverse importanti iniziative: tra sponsorizzazioni e sensibilizzazione, visite oftalmiche gratuite per i dipendenti della Compagnia, consulenza e soluzioni assicurative dedicate per persone ipovedenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato