Contenuto sponsorizzato

Olimpiadi 2026, Zaia: ''Trento e Bolzano avranno gare importanti''

Il governatore, che conferma il coinvolgimento del Trentino, appare estremamente fiducioso dopo il via libera del Cio delle scorse settimane e l'odierno incontro tecnico in Coni. Porta quasi chiusa per Torino: "Oltre i tempi supplementari e calci di rigore, ma la partita è in mano a Malagò"

Di Luca Andreazza - 17 ottobre 2018 - 18:40

ROMA. "Queste partite le segue personalmente Giovanni Malagò, l'impressione che abbiamo oltrepassato i tempi supplementari e siamo andati già oltre i calci di rigore", questo il commento di Luca Zaia, governatore del Veneto, sulle Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, e l'eventuale possibilità di allargare i giochi nuovamente verso Torino.

 

Il presidente conferma che il Trentino avrà un ruolo nella kermesse a cinque cerchi. "E' una nostra idea - spiega il governatore - abbiamo coinvolto Trento e Bolzano e loro avranno delle gare importanti. Il bob? Non è un problema, risolveremo tutti i dubbi: annuncio già che nel mio cassetto c'è il piano di gestione".

 

Il governatore appare estremamente fiducioso dopo il via libera del Cio delle scorse settimane e l'odierno incontro tecnico in Coni.

 

"Ho visto un buon clima - conclude Zaia - oltre ogni più rosea aspettativa: performante, costruttivo. Sono un inguaribile ottimista e spero sempre che il governo sia al nostro fianco in questa sfida".

 

Nel corso dell’incontro si è parlato del dossier e dei prossimi appuntamenti in programma, tra cui le visite tecnico-ispettive del Cio tra il 23 e 25 ottobre e la "prima" presentazione della candidatura prevista il 28 novembre a Tokyo, in occasione del Consiglio Esecutivo dell’Anoc.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

27 novembre - 13:14

Lo ha deciso il consiglio comunale dopo le tante prese in giro per il nome. Il paesino dal primo di gennaio si chiamerà Fugging 

27 novembre - 11:20

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato