Contenuto sponsorizzato

Una Pittima minore si aggira lungo il lago, l'esperto: ''Un evento rarissimo, non spaventatela''

Decine e decine tra birdwatcher e fotografi naturalisti sono arrivati sulle rive del lago di Garda trentino. Un evento eccezionale, soprattutto se si consultano i dati dell'Atlante degli Uccelli nidificanti e svernanti in provincia di Trento. Karol Tabarelli de Fatis: "E' il secondo avvistamento recente, il primo documentato con foto" 

Foto di Karol Tabarelli de Fatis - archivio Muse
Di Luca Andreazza - 27 settembre 2018 - 18:38

RIVA DEL GARDA. Decine e decine tra birdwatcher e fotografi naturalisti sono arrivati sulle rive del lago di Garda trentino. Il motivo? Immortalare una vera e propria rarità: una Pittima minore (Limosa lapponica), un uccello che nidifica nella tundra dell'artico europeo (come quello russo e nordamericano) che si aggira tra i turisti intenti a prendere il sole.

 

"Questo uccello - spiega Karol Tabarelli de Fatis, assistente tecnico della Sezione di Zoologia dei Vertebrati del Muse-Museo delle Scienze di Trento - nei mesi da luglio a ottobre migra dai quartieri di riproduzione a quelli di svernamento, solitamente compresi tra le coste atlantiche del Regno Unito e quelle dell'Atlantico meridionale sudafricano. Sono rare le osservazioni fuori delle zone umide costiere, ancor più rare quelle effettuate in Trentino".

 

Un evento eccezionale, soprattutto se si consultano i dati dell'Atlante degli Uccelli nidificanti e svernanti in provincia di Trento (a cura di P. Pedrini, M. Caldonazzi, S. Zanghellini. Ed. Museo Tridentino di Scienze Naturali). 

 

Una Pittima minore a Riva del Garda
Foto di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE
Foto di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE
Foto di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE
Foto di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE
Foto di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE

Autori storici come Althammer (1856) la definiscono "rarissima", mentre per Dalla Torre: "abbastanza rara in Tirolo" (provincia dell'Impero austrungarico corrispondente agli attuali Trentino-Alto Adige/Südtirol italiano e Land Tirol austriaco). In epoca recente in bibliografia è citata una sola osservazione per il lago di Cavedine (settembre 2002, F. Rizzolli/arch. MTSN). 

 

"Quello di Riva del Garda - evidenzia l'assistente tecnico della Sezione di Zoologia dei Vertebrati del Muse-Museo delle Scienze di Trento - dovrebbe essere il secondo avvistamento recente, il primo documentato fotograficamente. La Pittima minore fa parte di quel gruppo di uccelli chiamato 'limicoli' per l'abitudine di frequentare  zone umide e nella fattispecie i terreni fangosi all'intero dei quali possono procacciarsi il cibo, costituito da crostacei, molluschi ed anellidi".

"In questi giorni - prosegue l'esperto - la visitatrice dall'estremo nord sta facendo incetta di larve di insetti e lombrichi, che abilmente estrae dai prati grazie al suo lungo e sensibile becco. Si tratta di un individuo iper-confidente cosa abbastanza tipica per quegli esemplari che nidificano in zone disabitate: non conoscono l'uomo e per cui non hanno motivo di temerlo".

 

Il volatile non teme le persone e per questo motivo si avvicina senza timore, "ma bisogna sempre ricordarsi - conclude Tabarelli de Fatis - che si tratta di un animale selvatico: osserviamolo senza la necessità di avvicinarlo più del dovuto e soprattutto di farlo involare con inutile spreco di energie da parte sua, se vorrà si avvicinerà a noi. I cani, per questo e altri motivi, sulla passeggiata lungolago vanno tenuti al guinzaglio, come da ordinanza comunale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 11:23

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 547 positivi in un solo giorno, il rapporto contagi/tamponi schizza al 17,65%. Quasi 8.300 persone in isolamento. Purtroppo si contano anche 4 vittime legate al coronavirus

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato