Contenuto sponsorizzato

Vaccini, un gruppo di genitori lancia una raccolta firme per togliere l'obbligo

Tra gli obiettivi del gruppo quello di ricevere una corretta informazione, ma anche di vigilare sui contenuti dei vaccini e avere maggior sicurezza, così come attenzione agli esami pre-vaccinali e i test anticorpali

Pubblicato il - 21 luglio 2018 - 21:49

TRENTO. Un gruppo di genitori dell'Alto Garda, che si allarga però anche a altre zone del Trentino, ha lanciato una raccolta firme popolare per la libertà vaccinale. Una petizione che scade il prossimo 2 agosto e che può essere sottoscritta ai diversi uffici comunali (Qui info). 

 

Un dibattito ancora caldo, in attesa delle linee guida del nuovo Governo gialloverde e le eventuali disposizioni a livello provinciali.

 

Tra gli obiettivi del gruppo quello di ricevere una corretta informazione, ma anche di vigilare sui contenuti dei vaccini e avere maggior sicurezza, così come attenzione agli esami pre-vaccinali e i test anticorpali.

 

Il gruppo di genitori chiede maggiore chiarezza se le componenti del vaccino possono essere rischiose, soprattutto per un bimbo di pochi mesi, e verificare le immunità già presenti, ma anche la copertura alle malattie, necessario a escludere l'ipotesi che una persona immunizzata da vaccino sia effettivamente coperta.

 

La raccolta firme riprende una proposta di legge di iniziativa popolare del 2007 per la sospensione dell'obbligo vaccinale per l'età evolutiva e si rifà all'esperienza della Regione Veneto.

 

In questo caso il percorso veneto prevede la scelta di sospendere l’obbligo di vaccinazione per gestire un’offerta che ha comunque indotto la popolazione regionale a vaccinarsi e far vaccinare i propri figli. 

 

Questo senza vincoli legislativi. Un esperimento normativo di 10 anni. La Regione Veneto, nella totale libertà vaccinale, ha mantenuto coperture vaccinali adeguate e in linea con quelle nazionali. Il gruppo di genitori crede che la sperimentazione veneta abbia ottenuto i risultati desiderati e quindi potrebbe essere estesa a livello nazionale.

 

Nel frattempo però il governo ha motivato l’adozione del decreto nel 2017 in ragione di un calo delle vaccinazioni, a pregiudizio della cosiddetta “immunità di gregge”, una forma di protezione generale indiretta che si verificherebbe con la vaccinazione di una parte significativa di una popolazione maggiore a circa il 95%.

 

Riprendendo quanto avvenuto in Veneto, il gruppo di genitori evidenzia come in Europa ci sono nazioni dove la copertura vaccinale è molto più bassa e comunque diversa che in Italia, e dove alcune vaccinazioni rese obbligatorie nel nostro Paese non sono neppure contemplate tra quelle facoltative, senza che nessuno abbia sentito l’esigenza di assumere una misura così stringente.

 

Un disegno di legge che prevede comunque il ripristino dell'obbligo vaccinale in caso di epidemie accertato dal Iss. In questo caso il Ministero della salute potrebbe disporre della sospensione del provvedimento e con raggio d'azione circoscritto alle zone interessate dai focolai e solo riguardo alle malattie per cui è stata accertata l'emergenza. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato