Contenuto sponsorizzato

Bomba carta contro "Cibo", street artist che copre svastiche e croci celtiche: "Siamo assediati dall'odio"

Pier Paolo Spinazzè di Verona realizza murales di cibarie per coprire i messaggi d'odio che imbrattano i muri delle nostre città. Qualche giorno fa era intervenuto anche sulla vicenda Hellas-Balotelli: "Ai cori razzisti della curva dell'Hellas Verona io rispondo con il sorriso, perché l'odio è un saporaccio da togliere tanto dai muri, quanto dallo sport".

Di Arianna Viesi - 10 novembre 2019 - 20:57

VERONA. Pier Paolo Spinazzè, in arte "Cibo", è uno street artist originario di San Giovanni Lupatoto, comune alle porte di Verona. Da una ventina d'anni, Cibo percorre le strade della città scaligera e della provincia impegnandosi, concretamente, per contrastare il degrado (umano e culturale, soprattutto). L'obiettivo? Cancellare i messaggi d'odio che imbrattano muri e palazzi. Cibo, infatti, da anni, copre svastiche e croci celtiche con i suoi colori. Salsicce, formaggio, frutta, verdura e, all'occorrenza, qualche cupcake. Nomen omen, appunto.

 

Le sue opere gli hanno portato tanta notorietà ma anche - non è difficile immaginarlo - qualche grattacapo. Lui la chiama "resistenza colorata" e, a ben guardare, mai definizione fu più azzeccata. Spesso, infatti, le sue opere diventano oggetto di ripicche e ritorsioni. L'ultima, la più grave, di qualche giorno fa. L'ennesimo avvertimento di chi, quei simboli che Cibo s'impegna a coprire con tanto zelo, li lascia.

 

Una bomba carta sotto la sua auto. L'ultimo di una serie di rappresaglie cui quotidianamente deve sottostare. Lui stesso, però, non vuole cedere all'equazione che pone sullo stesso piano Verona e razzismo. Poco dopo la vicenda Hellas-Balotelli (QUI ARTICOLO), sulla quale era intervenuto anche il Trentino, Cibo, sulle sue pagine social, ha pubblicato infatti quest'opera, corredandola con il messaggio: "Ai cori razzisti della curva dell'Hellas Verona io rispondo con il sorriso, perché l'odio è un saporaccio da togliere tanto dai muri, quanto dallo sport, ma soprattutto dai palazzi dei cittadini".

 

Tanti i messaggi di solidarietà all'artista veronese che, sulla sua pagina Facebook, ha voluto ringraziare tutte le persone che gli hanno dimostrato vicinanza non risparmiando, però, un affondo all'amministrazione cittadina: "Grazie a tutti per i messaggi di solidarietà! - scrive - Purtroppo Verona è ostaggio di queste persone, ma la cosa grave è questo odio trova copertura nella politica locale. Per noi scaligeri è folklore che un consigliere faccia il braccio teso in consiglio comunale, oppure che altro consigliere cancelli il murales sul femminicidio o sindaci che sminuiscono atteggiamenti razzisti di una minoranza minorata. Le istituzioni hanno perso il valore della parola, la memoria, il rispetto, l'empatia". 

 

"Come dicevo prima - continua - siamo ostaggio, noi veronesi di cuore e di cultura siamo assediati dall'odio, ma non per questo deve passarci l'appetito, anzi! Per quel che mi riguarda ho MOLTA FAME!".

 

Cibo, quindi, continua la sua resistenza colorata, e conclude "Siate la persona che volete incontrare, siate buoni! Verona, ama!".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato