Contenuto sponsorizzato

Bus e treni, le forze dell'ordine non in servizio dovranno mettersi a disposizione in caso di necessità

Dopo le guardie giurate, varato un nuovo provvedimento dal presidente della Provincia. Stefano Montani della Fit-Cgil: "Bene, ma aspettiamo risposte per il rinnovo del contratto, aspettiamo da 10 anni di iniziare una trattativa"

Di Luca Andreazza - 08 febbraio 2019 - 20:10

TRENTO. Arriva un provvedimento della Provincia per aumentare il grado di sicurezza di viaggiatori e personale sui mezzi di trasporto pubblico. Suona un po' come "c'è un medico in sala?", ma la proposta del presidente Maurizio Fugatti è stata approvata. 

 

La delibera chiede al personale delle forze dell'ordine di qualificare subito, al momento della salita sul servizio bus e ferroviario, la propria presenza a bordo a capotreno, autista oppure addetti al controllo

 

Questo dispositivo prende le mosse dopo l'incontro con i sindacati di categoria e il commissariato del Governo e intende consentire l'effettivo intervento, in caso di necessità, degli appartenenti alle forze dell'ordine, che hanno titolo di viaggiare gratuitamente su tutti i sistemi di trasporto provinciale. 

 

Se dovesse esserci qualche criticità a bordo di qualche mezzo, agenti e militari, in viaggio magari nel proprio tempo libero, si mettono a disposizione e si può richiedere un intervento. "Un provvedimento - commenta Stefano Montanisegretario della Filt Cgil del Trentino - giusto. Ci sembra corretto che se gli appartenenti alle forze dell'ordine viaggiano gratis, possano intervenire in caso di bisogno".

 

Dopo le guardie giurate, prende quindi forma un altro dispositivo del nuovo governo provinciale. "Ora - conclude Montani - auspichiamo la stessa celerità per riprendere la trattativa del rinnovo di contratto aziendale. Un accordo che aspetta da 10 anni di essere preso in mano. Siamo fiduciosi di sbloccare l'impasse nell'incontro di inizio marzo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 agosto - 06:01

Il fil rouge di questa vicenda è un giovane che alle sue diverse fidanzate, nel tempo, riserva lo stesso trattamento fatto di botte, insulti pesantissimi e disagi che, in molti casi, si sono trasformati in denunce e ammonimenti. Dopo che sono arrivati gli arresti domiciliari ora per il ragazzo ci sarà il processo e anche sul suo futuro genitoriale la parola passa alla magistratura 

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato