Contenuto sponsorizzato

Trento-Malè e Valsugana, le guardie giurate arrivano a febbraio: intesa tra Trentino Trasporti e Provincia

Entra nella partita anche l'Agenzia del lavoro per studiare forme di corso-concorso per avvicinare i giovani trentini alla professione di autista, mentre la Provincia ribadisce la volontà di gestire l'intera tratta ferroviaria della Valsugana dal 2024

Di Luca Andreazza - 06 dicembre 2018 - 17:38

TRENTO. Dopo l'incontro con le organizzazioni sindacali, il presidente Maurizio Fugatti si è confrontato con Trentino Trasporti per dare le prime risposte concrete ai desiderata delle parti sociali. 

 

Diversi i temi sul tavolo del trasporto pubblico locale tra guardie giurate a bordo, spray anti-aggressione e blindature della cabina di guida per gli autobus urbani, ma anche la dotazione di impianti di videosorveglianza per almeno 170 bus e su almeno 20 mezzi extraurbani, operanti sulle linee considerate più sensibili. 

 

Si passa poi al completamento delle operazioni tecnologiche per disporre di un sistema di geolocalizzazione dei bus più innovativo e sostitutivo del sistema esistente e l’attivazione del "pulsante silenzioso" a disposizione dell'autista per le situazioni di emergenza, collegato alle forze dell'ordine.

 

Si prevede quindi di migliorare la qualità del servizio attraverso il processo di svecchiamento del parco autobus, che conta oggi 460 mezzi per l'extraurbano e 230 per quello urbano. L'obiettivo è garantire l'attestamento dell'età media sotto i 10 anni e l'incremento della flotta extraurbana a 500 bus per migliorare il collegamento tra città e valli. In arrivo, a questo proposito, un bando di gara (Qui articolo).

 

"Proseguiremo con il piano di cadenzamento - commenta il presidente Fugatti - per colmare il gap tra il servizio urbano e quello extraurbano con l’obiettivo di garantire frequenze almeno bi-orarie".

 

L’azienda ha garantito l’attivazione entro febbraio di un nucleo di vigilanza in grado di presidiare, specie nelle ore serali, alcune corse della Trento-Malè e della Valsugana per contrastare situazioni che rendono difficili per i capotreno svolgere con serenità e rigore il proprio lavoro. Si va avanti, nonostante le diverse posizioni sindacali tra favorevoli e contrari (Qui articolo).

 

Un confronto ad ampio spettro quello tra il governatore e la società demandata alla gestione del trasporto pubblico e aeroportuale che conta oltre 1.300 dipendenti e un valore di produzione attorno ai 100 milioni di euro annui. Presenti al vertice la presidente Monica Baggia, accompagnata dall’ingegner Cattani e dal dottor Leonardi, il direttore generale Allocca, quindi il direttore generale Paolo NicolettiRoberto Andreatta, dirigente del Servizio trasporti.

 

Pronto anche un software per visualizzare in tempo reale il posizionamento degli oltre 700 autobus urbani ed extraurbani a beneficio delle attività di coordinamento specie in casi di emergenza o deviazioni della viabilità. Dal 2019 inoltre i viaggiatori avranno a disposizione una App per verificare in ogni momento dove si trova il mezzo e gli eventuali suoi ritardi.

 

Interessata anche l'Agenzia del lavoro per studiare forme di corso-concorso per avvicinare i giovani trentini alla professione di autista, mentre la Provincia ribadisce la volontà di gestire l'intera tratta ferroviaria della Valsugana, come definito nel contratto di servizio con Trenitalia. In questo momento la linea è divisa al 50% tra Trentino Trasporti e Trenitalia, l'accordo prevede che passi in mano trentina entro il 2024.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato