Contenuto sponsorizzato

Dopo quasi due anni riapre la galleria ciclopedonale di Terres per raggiungere il lago di Tovel

Era chiusa dall’ottobre del 2017 per diversi guasti all’impianto elettrico. Il parco Adamello Brenta ha effettuato importanti interventi di manutenzione e ora il passaggio resta aperto fino al 30 ottobre 2019. I tempi di percorrenza sono di circa un'ora a piedi e 20 minuti in bici

Foto di Nicola Tretter
Pubblicato il - 24 maggio 2019 - 11:08

CONTA'. La galleria ciclopedonale di Terres è nuovamente transitabile dal 1 maggio scorso dopo un importante lavoro di manutenzione. Il collegamento era stato chiuso nell'ottobre 2017 a causa dei molteplici guasti all'impianto elettrico tra umidità e infiltrazioni d'acqua

 

La galleria è stata realizzata tra il 2003 e il 2004 come canale irriguo potabile e antincendio, mentre oggi, con l’interramento del tubo sotto la pavimentazione, ha acquistato un nuovo utilizzo escursionistico per entrare a far parte dei percorsi Dolomiti di Brenta Bike e Dolomiti di Brenta Trek.

 

Questa galleria è da anni in gestione al parco naturale Adamello Brenta, che sostiene i costi di manutenzione, attraverso una convenzione con il Comune proprietario, di Terres prima e di Contà poi. Il passaggio viene aperto stagionalmente tra il 1 maggio e il 30 ottobre, ma nel 2018 era rimasto praticamente sempre chiuso.

I lavori sono stati terminati in tempo per permettere l’apertura puntuale della galleria, per la quale c’era molta attesa, in modo particolare dai bikers che considerano questo percorso un’esperienza da non perdere. Un tragitto pianeggiante, la galleria è lunga 2,4 chilometri e la sua percorrenza è calcolata in un’ora a piedi e in venti minuti in bici.

 

Si imbocca sopra l’abitato di Terres (10 minuti in bici e 30 a piedi) e sbuca circa 800 metri prima del Rifugio Capriolo. Dall'uscita si percorre una strada forestale fino al Sentiero delle Segherie e poi si prosegue sulla Strada provinciale 14 per 6,5 chilometri per raggiungere il lago di Tovel.

 

I lavori hanno riguardato soprattutto l’impianto elettrico. Le lampade sono state sostituite con una tipologia a led ad alto isolamento, e sono stati disattivati i sensori di movimento che consentivano l’accensione della luce a tratti di 150 metri solo al passaggio degli utenti.

 

I continui cortocircuiti degli automatismi lasciavano spesso il tunnel completamente buio con tutti i disagi del caso, costringendo a chiusure improvvise della galleria senza poter dare adeguata comunicazione agli utenti. Per questa stagione si è deciso quindi di mantenere tutto il tunnel illuminato in modo fisso negli orari di apertura e di rimuovere le postazioni multimediali posizionate lungo il tunnel, inconciliabili con l’umidità del luogo.

 

Ora la galleria è aperta tutti i giorni dalle 8 alle 19. Apertura e chiusura dei cancelli ed accensione della luce scattano automaticamente agli orari prefissati. In caso di mancanza di corrente, entrano in funzione le luci di emergenza a batteria mentre l'apertura dei cancelli può essere effettuata manualmente dall'interno con procedura illustrata sulle bacheche presenti alle due entrate.

All'interno la temperatura è costante tutto l'anno a circa 10 gradi quindi si consiglia di portare con sé, oltre a pila o frontalino e al caschetto, anche una giacca adeguata. La galleria resta aperta fino al 30 ottobre, quindi è in programma un intervento di consolidamento dei rivestimenti della volta in alcune parti della galleria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 giugno - 18:05

Le Olimpiadi invernali 2026 prenotano il biglietto per atterrare in Italia, la candidatura Milano-Cortina si aggiudica l'organizzazione dei giochi a cinque cerchi. A brindare ci sono anche Trentino e Alto Adige

24 giugno - 06:01

Mentre si fanno cicli di incontri con diverse personalità per cercare ''idee diverse e nuove rispetto a quanto fatto fino ad oggi'' si dimentica che quel che è stato fatto ha portato ricerca e università in Trentino ad essere competitive su scala europea e a primeggiare a livello nazionale. E intanto ecco il bando per tre consiglieri di Trentino Digitale pubblicato copiato da uno di quelli della Fondazione Crosina Sartori (con tanto di riferimenti sanitari)

24 giugno - 12:05

La tragedia questa mattina attorno alle 10. Inutili i tentativi di rianimazione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato