Contenuto sponsorizzato

È morto Armin Loacker, rese famosi i wafer altoatesini in tutto il mondo

Figlio del fondatore dell'azienda, Alfons, si è spento a 78 anni. Il timone del gruppo, che conta più di mille dipendenti, passa nelle mani dei figli Andreas e Martin e del nipote Ulrich

Pubblicato il - 21 gennaio 2019 - 13:55

TRENTO. Alzi la mano chi non ha mai assaggiato i wafer o le tortine. O visto la celebre rappresentazione degli gnometti dello Sciliar sugli scaffali al supermercato o in tv. Si è spento, a 78 anni, Armin Loacker, il figlio del fondatore dell'omonimo marchio, che lo rese famoso in tutto il mondo, in oltre cento Paesi.

 

A dare la notizia della scomparsa del re dei wafer è la Rai Alto Adige. Una notizia che rimbalza su tutti i media e i social da Renon, dove l'azienda ha la sua sede centrale.

 

A fondare la Loacker, nel 1925, fu il padre di Armin, Alfons. Con la sorella Christine, Armin Loacker ha portato l'azienda a livello internazionale e alle cifre che conta attualmente, 1.038 dipendenti in tutto il gruppo e un volume d'affari di 330 milioni di euro.  

 

Il timone dell'azienda rimane in mano ai figli di Armin Andreas e Martin e al nipote Ulrich Zuenelli.

 

Oltre ai due stabilimenti produttivi, Loacker conta anche sette stores (il caffè a Trento è in piazza Fiera).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato