Contenuto sponsorizzato

Ferrari Trentodoc campione mondiale di 'bollicine'. E' la terza vittoria e l'Italia supera la Francia

Matteo Lunelli: "Dedico anche a nome di tutta la mia famiglia questo successo a tutte le donne e gli uomini delle Cantine Ferrari che ogni giorno, da oltre un secolo, portano avanti il sogno di Giulio Ferrari mirando sempre ai traguardi più ambiziosi"

Pubblicato il - 12 luglio 2019 - 09:24

TRENTO. Ferrari Trentodoc è stato confermato ancora una volta campione mondiale delle “bollicine” lasciandosi alle spalle la Francia. Un traguardo memorabile, con un numero di medaglie d’oro mai raggiunte prima in questa competizione: Ferrari è anche quest’anno “Sparkling Wine Producer of the Year” al concorso internazionale The Champagne & Sparkling Wine World Championships.

 

Stiamo parlando della più importante competizione internazionale dedicata solo al settore delle bollicine, un primato ottenuto soprattutto grazie al prestigio dei suoi tre giudici, Tom Stevenson, fondatore del concorso, Essi Avellan e Tony Jordan, tutti grandissimi esperti, in particolare di bollicine.

 

Per la prima volta l’Italia ha superato la Francia per numero di medaglie. La Casa Trentina ne ha ricevute ben 15 d’oro per i suoi Trentodoc, tra cui il Ferrari Brut e il Ferrari Maximum, primeggiando sulla maison de Champagne Louis Roederer per la nomina al trofeo più prestigioso, il titolo di “Produttore dell’Anno”. Complessivamente l’istituto Trentodoc, nel 2019, si è aggiudicato ben 27 ori e 19 argenti. 

Tom Stevenson, un’autorità internazionale nel settore, ha definito come “unbealivable”, ovvero incredibile, lo straordinario successo di Ferrari. Fin dalla prima edizione, i Trentodoc delle Cantine Ferrari sono stati valutati tra le migliori bollicine al mondo. Basti ricordare che, oltre ad esser stato nominato Sparkling Wine Producer of the Year già nel 2015 e 2017, Ferrari si è aggiudicato nel 2014 il titolo di World Champion Sparkling Wine Outside Champagne con il Ferrari Perlé 2007 e, nel 2016, quello di Blanc de Blancs World Champion con il Ferrari Brut.

 

Questi risultati non fanno che confermare il valore dell’intera gamma dei Trentodoc Ferrari, nonché regalano ulteriore prestigio internazionale alla Casa trentina, che si conferma tra i migliori produttori di bollicine a livello internazionale, in grado di primeggiare su Maison de Champagne e altre importanti cantine di tutto il mondo.

 

“Siamo molto orgogliosi di questo titolo – commenta Matteo Lunelli, presidente delle Cantine Ferrari – in quanto testimonia una volta di più come il Trentino, grazie alla sua viticoltura di montagna, sia un territorio con una vocazione unica e straordinaria per creare bollicine di eccellenza. Non a caso la Trentodoc è stata la denominazione con il maggior numero di medaglie in questa competizione. Dedico anche a nome di tutta la mia famiglia questo successo a tutte le donne e gli uomini delle Cantine Ferrari che ogni giorno, da oltre un secolo, portano avanti il sogno di Giulio Ferrari mirando sempre ai traguardi più ambiziosi”.

 

La cerimonia di premiazione per l’assegnazione delle medaglie e del titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year” avverrà il 4 novembre a Londra.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 ottobre - 06:01

La piaga riguarda soprattutto persone dai 45 ai 54 anni ma negli ultimi anni sono aumentati notevolmente i giovani. Il Trentino Alto Adige è una delle regioni più colpite in Italia. Da qualche settimana è arrivata sul nostro territorio una sede dell'Osservatorio violenza e suicidio che è già presente in quasi tutti le regioni italiane. A breve a Trento il congresso dal titolo “Blue Whale e la prevenzione dei rischi suicidari” 

13 ottobre - 19:39

Nei punti del governo giallo-rosso c'è anche l'eliminazione del contante a favore dei pagamenti con moneta elettronica. L'Italia è infatti fanalino di coda in questo campo, nonostante il più alto numero di terminali Pos d'Europa. L'economista Cerea: "Non si capisce che pagare in contanti è più rischioso ed oneroso". E c'è chi si oppone perché gli anziani non sarebbero in grado di adattarsi all'innovazione

13 ottobre - 14:36

L'ingegnera Arianna Minoretti, originaria di Como, ingegnera della Norwegian Public Roads Administration in un incontro pubblico ha confermato la fattibilità del progetto. Servirebbe per collegare la ciclabile Riva con Limone e permetterebbe di risolvere diversi punti critici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato