Contenuto sponsorizzato

In ricordo di Caterina Deimichei, morta a 17 anni, l'onlus "Ciao Ketty" raccoglie vestiti usati e devolve i fondi alle associazioni di beneficenza

Caterina Deimichei, di Ala, è morta nel 2012 in un incidente stradale. In sua memoria la sorella Margherita e le sue più care amiche hanno fondato un'associazione che porta il suo nome. Nella loro sede, il Punto K, raccolgono vestiti usati e poi li rivendono dietro il versamento di un'offerta minima. I contributi raccolti vengono devoluti a persone in difficoltà e a progetti di beneficenza

Di Arianna Viesi - 06 ottobre 2019 - 20:28

ALA. Caterina Deimichei era una ragazza bella, con un sorriso e un cuore grande. Aveva solo 17 anni quando un incidente se l'è portata via. Stava tornando dalla festa di Halloween con alcuni amici. Poi una pozzanghera, la macchina che finisce fuori strada e il tempo che si ferma.  

 

Un vuoto assordante, quello che ha lasciato nelle vite di chi le voleva, e le vuole ancora, bene. Quel vuoto, però, è germogliato. Nel 2016 la sorella, Margherita, e le più care amiche di Caterina, aiutate da collaboratori e collaboratrici, hanno infatti fondato l'Associazione "Ciao Ketty". Un'associazione che prende il suo nome, e che a lei è dedicata. 

 

"Caterina era solare, generosa, bella. Aveva una grande passione: quella per la moda", racconta Margherita Deimichei. A maggio 2016, quindi, l'Associazione apre in una sala dell'ex convento dei Cappuccini ad Ala il Punto K: luogo di raccolta di abiti usati, ma ancora in buone condizioni. Una sorta di bottega dell'usato, ma molto speciale. I capi esposti, infatti, non hanno un cartellino con il prezzo. Si possono "acquistare", mettiamola così, grazie ad un'offerta libera. I fondi raccolti, poi, vengono devoluti ad associazioni benefiche o ad opere di bene.

 

"Abbiamo fatto appello al suo spirito intraprendente, alla sua passione per la moda e soprattutto all'importanza che attribuiva all'amicizia per dare un'anima a questa associazione e alla sua sede. Continueremo e faremo crescere la nostra attività, perché crediamo nei valori della solidarietà e del rispetto ambientale, ma soprattutto per il ricordo indelebile del calore di questa ragazza speciale che portiamo noi tutte nel cuore", spiega l'Associazione. 

 

Il Punto K guarda anche all'ambiente: in una società drammaticamente condannata allo spreco, anche salvare un capo e dargli nuova vita è una piccola grande rivoluzione, Economia circolare, la chiamano. "In questo modo riusciamo a svolgere un'opera di pulizia ambientale, di assistenza sociale e soprattutto di beneficenza. Infatti, grazie ai contributi volontari per l'acquisto degli abiti, l'Associazione riesce a raccogliere delle offerte con le quali supportare ulteriori progetti di volontariato".

 

I fondi raccolti vengono devoluti, principalmente, a progetti presenti sul nostro territorio. "Capita - spiega Margherita Deimichei - che altre Associazioni ci segnalino progetti o persone in difficoltà. Ci è capitato, ad esempio, di devolvere parte del ricavato ad una ragazza che aveva bisogno di essere seguita da uno psicologo ma che non aveva la disponibilità economica per farlo. Quando mia madre è andata in Burundi, abbiamo dato dei fondi anche a lei da portare con sé. Ci teniamo molto a seguire personalmente i progetti cui devolviamo i nostri fondi".

 

Le associazioni che, in questi anni, hanno ricevuto tanto nel nome di Caterina Deimichei sono davvero molte. Ed è bello ricordarle per ricordare (e ricordarci) quanto bene possa nascere dal dolore:

 

- Associazione Ala per Chernobyl, che accoglie bambini bielorussi per brevi soggiorni

- Il Portico-fondazione comunità solidale, casa di accoglienza che ospita e accompagna persone in difficoltà

- Progetto cibo, che distribuisce pasti a famiglie indigenti

- Associazione Macramè, che si dedica a persone con disabilità motorie e cognitive

- Associazione Melograno, che promuove progetti di sviluppo nelle zone più povere del mondo

 

I progetti, ovviamente, non finiscono qui. Oggi pomeriggio, in via Carrera 19 ad Ala, è stata inaugurata la nuova sede del Punto K. Un importante traguardo per l'Associazione. Potete passare il sabato, dalle 10.00 alle 12.00, a portare i vostri vestiti e a prenderne altri. Farete del bene all'ambiente, a chi è in difficoltà ma, soprattutto, farete del bene al vostro cuore.

 

Caterina Deimichei non c'è più. Ma la sua storia, come tante altre storie, ci ricorda questo: che il dolore si deve conservare,  e si deve trasformare. Sempre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 ottobre - 19:05

La procura ha avviato un'indagine per contestare la carenza di documentazione contabile e la destinazione delle spese. In pratica non verrebbero distinte le risorse utilizzate per attività istituzionali e che sono ammesse da quelle commerciali per le quali la legge non permette di utilizzare fondi di derivazione pubblica

15 ottobre - 14:06

Gli sportivi turchi che sostengono l’invasione e il governo di Ankara festeggiano i propri risultati con il saluto militare ma, nonostante le minacce, si levano anche alcune voci critiche.  Nel frattempo la squadra tedesca del St. Pauli licenzia un giocatore che aveva espresso il suo sostegno a Erdoğan "valori in contrasto con quelli del club"

15 ottobre - 17:23

L'indagine è partita dopo i ripetuti episodi di avvelenamento di animali domestici e selvatici, registrati negli ultimi mesi in Vallagarina. L’operazione, che ha consentito anche una bonifica del territorio e la ricerca di esche mediante il ricorso a cani specificamente addestrati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato