Contenuto sponsorizzato

''Negli ultimi 150 anni oltre 30 mesi freschi come maggio ma un giugno così caldo solo in altre due occasioni''

Tutto il Nord Est ha fatto registrare record di calore e picchi vicini ai 40 gradi mentre lo zero termico si è alzato ben al di sopra dei 4.500 metri (con ovvie conseguenze per ghiaccio e neve). Per l'Unione meteorologica del Friuli Venezia Giulia le temperature di questi giorni sulle Alpi e nei territori di confine sono uniche. Record segnati a Cavalese come a San Martino in Passiria a Vicenza e ad Arabba oltre che sullo Zoncolan e tante altre località del Nord Italia

Pubblicato il - 28 giugno 2019 - 12:10

TRENTO. ''Maggio 2019 è stato fresco come almeno altri 30 mesi di maggio negli ultimi 150 anni, giugno 2019 è stato caldo come altre due sole volte in precedenza nel 2003 e nel 2017''. Così l'Unione meteorologica del Friuli Venezia Giulia su Facebook commenta l'ondata di caldo che sta attanagliando tutto il Nord Italia e non solo (''le temperature massime assolute registrate tra ieri ed oggi - scrivono ancora - sulle Alpi del Fvg e di tutte le nazioni confinanti (Francia, Svizzera, Austria Slovenia) sono senza precedenti e non sono noti eventi simili nel mese di giugno negli archivi climatologici europei'').

 

L'associazione del Friuli Venezia Giulia di esperti e appassionati che conta oltre 150 soci e numerose collaborazioni scientifiche e convenzioni quadro stipulate con istituti di ricerca ed associazioni regionali non ha dubbi sulla straordinarietà di questo evento che deve far scattare mille campanelli d'allarme e ricordare a tutti che il surriscaldamento globale è ormai una certezza che non può più essere ignorata. In Trentino sono stati battuti record storici come quello di Cavalese dove il 28 giugno 1935 si registrarono 34 gradi mentre ieri la temperatura è arrivata a 35,8

 

A Trento la massima giornaliera è stata la seconda più alta da quel 1935 quando si arrivò a 39,2 gradi mentre ieri son stati raggiunti 38,9 gradi. E più in generale si sono registrate massime sopra i 30 gradi fino a quota 1.600 metri e addirittura di 20 gradi sopra i 2.700 e lo zero termico è ben al di sopra dei 4.500 metri con ovvie conseguenze per nevi e ghiacci anche in alta quota. In Alto Adige a San Martino in Val Passiria sono stati raggiunti 40 gradi. (sfiorando il record assoluto dell'11 agosto del 2003 di 40,1 gradi registrato a Termeno). A Bolzano si sono registrati 39 gradi a Merano, la massima è stata di 39,2, a Bressanone di 38,2, a Silandro e Fortezza di 36.

 

E il vicino Veneto non è stato da meno: il record di 39 gradi a Vicenza risulterebbe il picco più alto per il mese di giugno. Ad Arabba che si trova a quota 1.600 metri sono stati registrati 29 gradi e si tratta del dato più alto dell'estate negli ultimi 25 anni, maggiori delle massime dell'infernale 2003. Quella di ieri, spiegano gli esperti dell'Arpav, è stata la giornata di picco dell'ondata di caldo che ha portato anche sull'Italia aria rovente dal deserto algerino. Dopo Vicenza (39), le città più torride sono state Treviso e Verona con 38, Padova e Rovigo con 37. Ma sono statisticamente ancor più rilevanti a giugno i 36,5 gradi di Santo Stefano di Cadore, i 37 di Belluno, i 31 di Cortina, e i 23 gradi del Faloria, 2200 metri di quota.
   

''Per molte località i valori non hanno precedenti nemmeno se messi a confronto con i mesi di luglio e agosto - scrive ancora l'Unione meteorologica del Friuli Venezia Giulia - come ad esempio Zoncolan, Lussai, Forni di Sopra, Tarvisio. Per molte stazioni di pianura i valori massimi degli ultimi due giorni non hanno precedenti noti nel mese di giugno, come ad esempio Udine, Pordenone, Fagagna, Cervignano e molte altre località''.

 

''Una storica ondata di calore sta interessando l'Europa centro-occidentale per effetto di un potente promontorio dell'anticiclone nord-africano, disteso dall'Algeria, alla Francia, al Mare del Nord - spiega la società meteorologica italiana - con al suo interno una massa d'aria dalle temperature eccezionalmente elevate (al livello isobarico di 850 hPa, ovvero circa 1600 m di quota, +28 °C sulle Alpi occidentali e fino a +30 °C nel Midi francese nella giornata di giovedì 27 giugno 2019)''.

 

Questi i dati raccolti dalla rivista di meteorologia Nimbus su alcune zone del Nord Italia

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato