Contenuto sponsorizzato

Neve in Trentino, febbraio oltre la media del mese: ''Siamo già al 63% in più di precipitazioni, ma compensa solo in parte la siccità di dicembre e gennaio''

La perturbazione di inizio febbraio compensa dicembre e gennaio caratterizzati dalla quasi assenza di precipitazioni. Rizzonelli di MeteoTriveneto: "Inizialmente freddo in quota, poi nel pomeriggio di venerdì è entrata aria calda da sud ovest in quota e inversione termica, con riscaldamento in particolare sui settori meridionali e orientali, con pioggia a 1.600 metri in Valsugana e neve in città a Trento"

Nivometro stazione Malga Bissina di MeteoTrentino
Di Luca Andreazza - 04 febbraio 2019 - 17:55

TRENTO. Un accumulo di pioggia o neve sciolta già oltre i valori medi dal 1921, da quando sono disponibili i dati. "Se smettesse di piovere - commenta Giampaolo Rizzonelli di MeteoTriveneto (Qui il profilatore di MeteoTriveneto) - comunque questo mese risulterebbe già più piovoso della media per il 63%".

La stazione di MeteoTrentino ha, infatti, registrato un accumulo di 81,4 millimetri e supera il valore medio per il mese, fermo a circa 50 millimetri. "Questo però - dice l'esperto - segue un gennaio con un accumulo di solo 6 millimetri a fronte della media di 50 millimetri e dicembre a soli 7 millimetri contro una media di 64 millimetri per il mese".

Come da previsione, dopo alcuni accenni del giovedì, la perturbazione si è materializzata nel primo pomeriggio di venerdì scorso. Una fitta e intensa nevicata sul territorio provinciale da causare disagi alla viabilità, rete ferroviaria compresa, incidenti, valanghe e la conseguente bufera politica sull'A22 (Qui articolo). 

"La temperatura - prosegue Rizzonelli, il quale ha analizzato di dati di MeteoTrentino e MeteoTriveneto - ha iniziato a salire venerdì per l’arrivo di aria calda da sud-ovest. In questi casi la colonna d’aria sopra la Valle dell’Adige, la Val di Non e la Val Rendena, tende a subire molto meno questo riscaldamento. Il tutto è evidente dai profili verticali alle 16.30: si vede come la temperatura in Valsugana si sia alzata di parecchi gradi per portare pioggia fino a 1.600 metri, mentre la neve è continuata a scendere a Trento, in particolare nella parte settentrionale della città. Evidente la differenza tra la zona a nord del Doss Trento, oggi ancora innevata e quella a sud".

 

L’aumento della temperatura di venerdì è certificato inoltre dalle rilevazioni della stazione di MeteoLevicoTerme posizionata ai 1.390 metri del Compet a Vetriolo. "La temperatura durante la giornata - aggiunge l'appassionato di meteorologia - nel corso delle precipitazioni è aumentata di 8 gradi, passando da -5 gradi alle 2.24 di mattina a +3,1 gradi poco prima della mezzanotte. Tra venerdì e sabato si è avuta l'inversione termica: molto più caldo a 1.500 metri rispetto a 500 metri proprio per l’afflusso in quota di aria calda".

Solamente nella notte tra sabato e domenica si è assistito ad un calo termico, tanto che la neve ha raggiunto nuovamente all’alba di domenica alcuni fondovalle, come ad esempio Levico Terme. I nivometri automatici di Meteotrentino hanno rilevato gli accumuli di queste nevicate, sul Presena a 2.852 metri si passa dai 200 del 31 gennaio ai 300 centimetri del 3 febbraio, quindi a 1.775 metri di Malga Zeledria a Pinzolo da 30 a 120 centimetri, mentre sul Grostè a 2.258 metri da 60 a 150 centimetri. 

"Le perturbazioni - conclude Rizzonelli - che hanno raggiunto la nostra provincia in questo inizio di febbraio hanno portato buoni accumuli nevosi e di pioggia per finalmente compensare in parte la siccità, che ha caratterizzato i mesi di dicembre e gennaio. Basta ricordare che l’ultima nevicata era stata rilevata tra il 19 e 20 dicembre e che per 38 giorni, fino al 27 gennaio, non c’erano state precipitazioni" (Qui articolo). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 agosto - 06:01

Dubbi sulla legittimità dell'ordinanza altoatesina che arrivano anche nell'intervista alla Rai di lingua tedesca bolzanina di Luigi Spagnolli, dirigente del servizio fauna provinciale: "Attualmente non costituisce pericolo. Cattura o abbattimento non sono possibili"

21 agosto - 08:18

La donna 70enne da mesi non pagava l'affitto e ieri avrebbe dovuto ricevere lo sfratto per morosità dall'Itea. Era stata segnalata anche per problemi legati al gioco d'azzardo. Fortunatamente i famigliari colpiti con il martello non sono in pericolo di vita 

20 agosto - 19:33

Immediati i comunicati e le dichiarazioni di partiti ed esponenti provinciali dopo le dimissioni del premier Conte. Il Patt: "Attendiamo l'autorevole decisione di Mattarella". La senatrice forzista Conzatti: "Da oggi chi governerà dovrà rispettare le istituzioni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato