Contenuto sponsorizzato

Ricomincia la scuola, Libardi: ''Problemi alla schiena sempre più frequenti tra i bambini. Tra le criticità anche la sedentarietà''

Oggi, domenica 8 settembre si celebra la Giornata mondiale della fisioterapia. Tanti i progetti promossi, e sostenuti, dall'Associazione italiana fisioterapisti. Consulenze gratuite ogni mercoledì pomeriggio, visite a domicilio per pazienti affetti dal morbo di Parkinson e lotta alla sedentarietà infantile. La presidente di Aifi: "Importante far conoscere la figura del fisioterapista e distinguere gli esperti da chi esercita la professione abusivamente"

Di Arianna Viesi - 08 settembre 2019 - 18:59

TRENTO. Si celebra oggi, domenica 8 settembre, la Giornata mondiale della fisioterapia. "Un'occasione per presentare la figura del fisioterapista alla cittadinanza", spiega Katia Libardi, presidente di Aifi-Associazione italiana fisioterapisti del Trentino Alto Adige.

 

La campagna di quest'anno ha un nome ben preciso, ed eloquente: "Le mani giuste". "Si è scelto questo slogan per evidenziare l'importanza della figura professionale del fisioterapista - continua Libardi -. E' importante distinguere gli esperti da chi esercita la professione abusivamente. Un fenomeno, purtroppo, in continua crescita e che può aggravare eventuali problematiche o patologie pregresse".

 

Quest'anno c'è un importante novità. E' già attivo, infatti, (e lo rimarrà fino a dicembre) il servizio "Pronto Fisio". Ogni mercoledì, dalle 14 alle 18, chiamando il numero 366 4169341 o scrivendo una email all'indirizzo prontoaifi@aifi.net, si potrà ricevere una consulenza gratuita offerta dai fisioterapisti Aifi, che metteranno a disposizione dei cittadini tempo, competenza e professionalità (per maggiori informazioni: QUI SITO).

 

Ci sono, però, altre due belle iniziative promosse da Aifi. Ha preso il via quest'anno un progetto messo in piedi grazie alla preziosa collaborazione dell'Associazione Parkinson Trento (QUI SITO). Si tratta di un servizio di fisioterapia a domicilio per pazienti che hanno difficoltà a recarsi in ambulatorio.

 

Al via, a breve, anche la IX edizione de "La schiena va scuola". "Un percorso di sensibilizzazione e prevenzione rivolto a bambini, genitori e insegnanti", racconta Katia Libardi,  che aggiunge: "I casi di mal di schiena in età pediatrica stanno aumentando". Ci saranno degli incontri nella scuole, con i bambini, per spiegar loro "come si sta seduti, come preparare e portare lo zaino ma, soprattutto, per ribadire l'importanza del movimento".

 

A seguire, degli incontri con genitori e docenti. "Il mal di schiena nei bambini è in aumento", dice Libardi. "Ed è un problema strettamente legato alla sedentarietà. E' fondamentale ribadire il valore del movimento. E' importante che i bambini, al di là delle ore che passano seduti dietro i banchi di scuola, facciano movimento. E, con movimento, non intendo necessariamente praticare un'attività sportiva. I bambini devono tornare a muoversi", conclude Libardi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 06:01

In Veneto c'è preoccupazione, ma si forniscono i dati e si punta sull'impegno a proseguire e rafforzare le iniziative di prevenzione a tutela del settore zootecnico e di corretta informazione alla popolazione con un approccio finalizzato ad assicurare un supporto diretto al singolo interessato, in stretto raccordo con la Regione del Veneto e le associazioni di categoria

17 settembre - 19:28

Elisa Filippi, renziana doc, oggi ha spiegato di non avere dichiarazioni da fare. Tra i possibili parlamentari pronti a seguire Renzi salta fuori anche il nome della senatrice Conzatti di Forza Italia. Intanto c'è attesa per l'appuntamento di giovedì a Trento con il vicepresidente alla Camera Ettore Rosato (pronto a seguire Renzi)  

17 settembre - 14:15

Dura interrogazione dell'ex assessore del Pd, il quale interviene sulla querelle della rinuncia di 1 milione di euro, anche di provenienza europea, da parte della Provincia a trazione Lega. Le risorse destinate per progetti di integrazione, ora piazza Dante dovrebbe restituire il 60% già anticipato dallo Stato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato