Contenuto sponsorizzato

Rinascita di Arte Sella, l'architetto Ian Ritchie dona un'opera: "L'uomo può ingegnarsi per ricomporre la natura e reagire"

Il progettista inglese aveva visitato Arte Sella prima della tempesta Vaia ed è voluto tornarci anche dopo i tragici fatti che distrussero parte dello spazio artistico. Da qui l’idea di creare un’opera dedicata a leggerezza e rinascita, un simbolo di resilienza per celebrare insieme Arte e Natura

Di Tiziano Grottolo - 30 agosto 2019 - 11:22

BORGO VALSUGANA. Le immagini della devastazione portata dalla tempesta Vaia hanno fatto il giro del mondo. Particolarmente strazianti quelle provenienti direttamente da Arte Sella, il parco di arte contemporanea nella natura, che si svolge in val di Sella colpito anch’esso dalla furia della tempesta che distrusse alcune opere.

 

Una ferita che grazie al duro lavoro dei gestori del parco e alle tante donazioni raccolte per partecipare alla ricostruzione si sta rimarginando.

 

Proprio in questi giorni è arrivata un’altra buona notizia che vede protagonista un architetto di fama internazionale, si tratta di Ian Ritchie, progettista inglese, che ha deciso di donare un’opera per contribuire alla rinascita dello spazio artistico di Villa Strobele.

 

Da sempre interessato alla relazione tra innovazione tecnologica e spazi abitativi, Ritchie fondò la società di design ingegneristico ‘Rfr’ con Peter Rice e Martin Francis. In questo periodo, lo stesso in cui venne inventato il vetro appeso in singoli punti anziché incorniciato, la sperimentazione in architettura riguardò soprattutto acciaio, vetro e materiali innovativi.

 

Seguì poi il periodo dei low processing materials (acciaio corten, zinco titanio, ecc.) con la realizzazione di veri e propri edifici-scultura diventati iconici, tra i quali Terrasson in Francia, la Crystal Palace Concert Platform o il Royal Shakespeare Courtyard Theatre a Stratford-upon-Avon.

 

Recentissimo è invece il suo amore per il legno, materiale vivo e di natura biologica rispetto a quelli high tech e di natura minerale usati sino a prima, sfociato nella realizzazione della Royal Academy Concert Hall di Londra, da qui l’incontro con Arte Sella e la sua magia di natura e filosofia.

 

Ritchie infatti visitò Arte Sella prima della tempesta Vaia ed è voluto tornare a Villa Strobele anche dopo la catastrofe naturale che l’ha colpita, mutandone la geografia dei luoghi.

 

La passione dell’architetto inglese per il legno si è concretizzata nell’opera ‘Levitas - la terza montagna’, così come immaginata anche con Emanuele Montibeller, direttore artistico di Arte Sella.

 

La creazione è un vero prototipo mai visto prima, la cui complessità è evidente in termini geometrici e costruttivi. Il suo senso di leggerezza è però legato alla sua forza e geometria che indicano come l’uomo possa ingegnarsi per ricomporre la natura e reagire, rialzarsi e celebrare la natura e la sua materia anche dopo una calamità naturale come quella transitata negli splendidi boschi della valle.

 

L’opera, donata da Ritchie ad Arte Sella, è una sorta di slancio geometrico che da terra si libera verso il cielo, come un’onda, un soffio di vento, una nuova montagna.

 

Alta più di sette metri, è una struttura a “doppia sella” definita da due archi a tre cerniere su cui si imposta una complessa superficie rigata costituita da strisce di quercia rossa italiana. La definizione della geometria, la prototipazione e il calcolo sono stati possibili grazie anche alla collaborazione con il Politecnico di Milano.

 

In tutto ciò ‘Levitas - La terza montagna’ vuole essere un simbolo di resilienza, una sorta di “grande rete” che ci vede tutti partecipi, uniti per celebrare insieme Arte e Natura.

 

Dopo la presentazione, avvenuta in primavera, dell’opera di Eduardo Souto de Moura il progetto Arte Sella Architettura 2019 si arricchisce dunque di un’altra importante tappa.

 

Sabato 31 agosto infatti l’acuto architetto inglese sarà a Villa Strobele per l’inaugurazione della nuova opera, prevista per le 11. Mentre alle 15 Ritchie terrà una lectio magistralis a Malga Costa. Gli organizzatori fanno sapere che ci sono ancora posti disponibili, per informazioni e prenotazioni (obbligatorie) chiamare il numero 0461 751251 dove risponderà un addetto di Arte Sella.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Il consigliere provinciale di Futura Paolo Zanella chiede chiarimenti in merito alle classi 'particolari' di indirizzo bilinguistico e musicale [...]
Cronaca
14 giugno - 18:53
Con l'arrivo dell'estate il misto di ghiaia, sassi e asfalto trasforma la spianata di San Vincenzo in un luogo caldissimo e afoso. Quasi [...]
Cronaca
14 giugno - 18:51
Fra poche ore apriranno le prenotazioni per la fascia d’età dai 18 ai 39 anni, fino al 10 luglio ci sono a disposizione 25mila dosi per una [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato