Contenuto sponsorizzato

Standing ovation per Alex Zanardi a Trento: ''L’incidente? Ho provato una gioia incontenibile a sapere di essere vivo''

La gioia di vivere, di provarci, la generosità, la resilienza, la resistenza. Il protagonista è Alex Zanardi, accolto da una standing ovation all’Auditorium Santa Chiara per il Festival dello sport: "La mia testa non si ferma mai. Penso a soluzioni, idee, anche quando mi alleno sul rullo. Ma sono anche un grande pantofolaio"

Pubblicato il - 12 ottobre 2019 - 23:09

TRENTO. Fenomeno di umanità. La gioia di vivere, di provarci, la generosità, la resilienza, la resistenza. Il protagonista è Alex Zanardi, accolto da una standing ovation all’Auditorium Santa Chiara per il Festival dello sport. Senza banalità e lontano da ogni retorica, il carattere schietto del pilota e handbiker bolognese è emerso in oltre un’ora e venti di coinvolgente dialogo con il giornalista Gianluca Gasparini che l'ha introdotto come “un fenomeno anche nel modo di vedere la vita”.

 

Sempre nuove strade da esplorare per Zanardi, che ha una sua semplice filosofia di vita che ha lasciato in eredità a tutti i presenti alla serata: “La vita perfetta va riempita non di grandi risultati ma con grandi tentativi. Impegno e piacere mi permettono di fare quello che faccio. Perché nella vita non devi inseguire gli altri o le cose che ti attirano, ma quelle che ti ispirano. Sei un fenomeno se capisci cosa ti ispira”.

 

Alex Zanardi ha incantato il pubblico del Festival con la sua disarmante semplicità e schiettezza che lo rende un personaggio amato da tutti. Un toccante video proiettato a inizio serata ha dato ragione dei tanti capitoli della carriera di “Sandrin”, come lo chiamava il padre (simpatico e estroverso, come ha raccontato il grande sportivo) e come lo chiamano i suoi amici.

 

Una carriera iniziata nel 1980 nelle corse dei kart, l’automobilismo, la Formula 1, l’incidente del 2001 che lo ha privato di entrambe le gambe, la rinascita, il ritorno al volante, le protesi sempre più efficaci, la passione per l’handbike e le vittorie paralimpiche di 16 medaglie tra mondiali e Olimpiadi.

 

Un modello per tanti, Zanardi, con la sua ostinazione gioiosa ad andare oltre ogni ostacolo. “La mia testa non si ferma mai. Penso a soluzioni, idee, anche quando mi alleno sul rullo. Ma sono anche un grande pantofolaio”, ha confessato al pubblico di Trento. “Quando mi sono svegliato dal coma farmacologico dopo l’incidente, ho provato una gioia incontenibile a sapere di essere vivo. Quando tanti mi dicono che sono un esempio di coraggio, fanno torto a se stessi, perché tutti possiamo trovare la forza. Molte persone fanno il mio percorso riabilitativo, ma senza esposizione mediatica”.

 

In una sua personale top ten di Fenomeni per la Gazzetta, Zanardi ha messo due piloti, come Gilles Villeneuve e Senna, ma anche Mike Bongiorno, il presidente Pertini, una nuotatrice come Federica Pellegrini. E suo padre, “un comico spontaneo”: “Sono Fenomeni quelli che colorano la nostra vita con affetto, garbo e carisma”, ha concluso l'atleta.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
13 giugno - 06:01
Secondo la legge regionale 6/2012, le indennità mensili dei consiglieri vanno “rivalutate annualmente sulla base dell'indice Istat”, [...]
Cronaca
13 giugno - 07:57
Sono stati attimi di paura quelli vissuti venerdì sera da una giovane coppia di Arco che aveva il figlio di 14 mesi che stava male. Ad aiutarli i [...]
Cronaca
13 giugno - 08:40
L'allarme è scattato nel tardo pomeriggio di ieri e ha visto l'intervento dei vigili del fuoco di Tres e Taio e l'elisoccorso con l'equipe medica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato