Contenuto sponsorizzato

Voglia di vendetta? Ci pensa ''Shitexpress'' che consegna pacchi di cacca a domicilio

Il servizio è attivo dal 2014 e l'Italia risulta essere il terzo Paese per consegne dopo States e Regno Unito con oltre 650 acquisti. L'ad Peter: ''In totale abbiamo spedito 9.000 pacchi anonimi e personalizzati''

Foto tratta da Shitexpress
Pubblicato il - 20 febbraio 2019 - 17:18

TRENTO. Chi non ha un ex nei confronti di cui prova rancore? O un nemico? Una collega fastidiosa, un capo pedante o una parente antipatica? Ecco allora, a chi ha le idee chiare e sentimenti negativi nei confronti di qualcuno, ha pensato Shitexpress.com (un nome che in italiano suona circa "Cacca espressa"). Chi naviga nel web o sui social lo conoscerà già: si tratta (parole dell'ideatore e Ceo, Peter) di "un servizio che permette alle persone di ordinare una scatola piena di cacca di cavallo e di spedirla, anonimamente, a qualcuno nel mondo".

 

Dopo la blatta con il nome del partner che ci ha feriti per San Valentino (qui l'articolo), dal web arriva un'altra possibilità per chi medita vendetta o vuole semplicemente fare uno scherzo a un amico. Far recapitare il singolare regalo è semplice: basta collegarsi al sito e selezionare le proprie preferenze.

 

Sì, avete capito bene, preferenze. Perché al prezzo di 12,95 euro (o 16,95 dollari da pagare tramite Paypal o 0,05 Bitcoin) si può scegliere il tipo di animale di cui si preferisce l'escremento (anche se pare che al momento sia disponibile solo quello di cavallo) e anche la confezione più adeguata al proposito che si vuole attuare.

 

"Un modo semplice di spedire una merda in un pacco": questo il pay off di Shitexpress.com. E pare che semplice l'ordine lo sia davvero. Chi ha già provato il servizio assicura anche che "l'ordine viene evaso con puntualità" e che a casa del destinatario viene recapitato un contenitore con tanto di etichetta relativa alla "composizione" ("100% organica") del materiale contenuto e messaggio personalizzato per il destinatario.

 

Un servizio nato nel 2014 che si sta facendo sempre più strada (oggi il sito è tradotto in 24 lingue e il servizio consumatori è gestito in 7 lingue). "Finora abbiamo già spedito 9.000" spiega il creatore e amministratore delegato di Shitexpress Peter, contattato via email.

 

E, secondo quanto riporta in due post di approfondimento sul sito (qui e qui), diversi italiani hanno già usufruito di questo particolare tipo di consegna. "Di 87 Paesi - scrive Peter - gli Stati Uniti d'America sono il più grande mercato dove è stata recapitata cacca di cavallo. Non è fantastico?". L'Italia non se la cava male e, secondo i dati che fornisce, si conquista il terzo posto (dopo gli States e il Regno Unito, ma prima di Canada, Francia e Germania) con il 7,29% degli ordini su Shitexpress.

 

Come dire che, se la matematica non inganna, che gli acquirenti italiani ad oggi sono stati circa 656. "Grazie al forte supporto dei nostri clienti - scrive sempre l'amministratore delegato - abbiamo già sviluppato una base di servizi aggiuntivi e una nuova linea di prodotti da offrire nel prossimo futuro. Oltre alla cacca, vogliamo decisamente crescere orizzontalmente coprendo più aree di business. Questo è solo l'inizio".

 

Vice, The daily dot, la Cnn turca e messicana, Cosmopolitan sono, secondo quanto riporta il sito, solo alcune delle testate che nel mondo hanno già dato risalto a questa realtà. Un progetto ormai di successo nato da un'idea decisamente sui generis. Per credere non resta che provare. Del resto lo dicono anche le istruzioni per l'acquisto su Shitexpress: "Non c'è niente che possa sostituire l'espressione sul volto del destinatario dopo aver aperto una scatola con una merda dentro".

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

23 marzo - 13:44

 Dopo la marcia del 15 marzo ieri moltissimi giovani hanno deciso i ripulire le sponde dell'Adige. Sofia Giunta: "Abbiamo lavorato sodo due ore, vogliamo proseguire un percorso concreto, vogliamo sensibilizzare i nostri coetanei e tutta la cittadinanza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato