Contenuto sponsorizzato

Bolzano, dalla Provincia un sussidio di 2 mila euro per gli artisti indipendenti. Ecco come fare per richiederlo

La richiesta per il sussidio di 2 mila euro sarà aperta domani, mercoledì 29 luglio. Potranno fare domanda le artiste e gli artisti privi di un contratto di lavoro dipendente di più di 12 ore settimanali e che svolgono l'attività da almeno 2 anni

Pubblicato il - 28 luglio 2020 - 16:35

BOLZANO. I tre assessori alla cultura tedesca, italiana e ladina, Philipp Achammer, Giuliano Vettorato e Daniel Alfreider intendono sostenere gli artisti, categoria colpita duramente dalla crisi Covid-19. La Giunta provinciale, su loro proposta, ha approvato pertanto una misura straordinaria, limitata all'anno 2020, per contenere gli effetti negativi dello stato di emergenza da Covid-19 in questo settore.

 

È in pratica il secondo pacchetto di misure di sostegno dopo il primo approvato nel marzo scorso. Alle artiste e agli artisti di tutti i gruppi linguistici, che non dispongono di un contratto di lavoro dipendente di più di 12 ore settimanali, sarà concesso un sussidio una tantum di 2.000 euro a persona. L'importo complessivo a disposizione stanziato dalla Giunta è di 1 milione di euro. Le domande possono essere presentate da domani, 29 luglio fino al 29 settembre alle rispettive ripartizioni cultura, Ripartizione Cultura Italiana, a Ripartizione Cultura tedesca e Ripartizione Cultura e Scuola ladina avvalendosi della piattaforma web della Provincia AltoAdige si riparte.

 

Lo stato di emergenza causato dal virus Covid-19 sta avendo un impatto negativo in particolare sulla situazione economica delle artiste e degli artisti, dal momento che, in base alle disposizioni vigenti per tutto il periodo dello stato di emergenza sono stati cancellati gli eventi o manifestazioni pubbliche con la partecipazione di più persone. "Il sostegno degli artisti è necessario per garantire la sopravvivenza ad un panorama culturale variegato" afferma l'assessore provinciale alla cultura italiana Giuliano Vettorato. "Durante il periodo dell'emergenza sono sorte varie iniziative culturali che, però, non possono sostituire l'attività culturale a lungo termine", sostiene l'assessore provinciale alla cultura ladina Daniel Alfreider. "Questo pacchetto di misure straordinario per 1 milione di euro è inteso a sostenere la cultura quale settore rilevante dell’economia creativa e soprattutto per ridare vita all’attività artistica e culturale in Alto Adige" sottolinea l’assessore provinciale alla cultura tedesca Philipp Achammer.

 

Possono richiedere un sussidio dell'ammontare di 2.000 euro fino a esaurimento dei fondi appositamente stanziati nel bilancio provinciale, le artiste e gli artisti e le artiste privi di un contratto di lavoro dipendente di più di 12 ore settimanali, che svolgono da almeno due anni l'attività artistica nei generi arte performativa, musica, arte figurativa, letteratura e cinema in territorio provinciale. Sono esclusi studenti e pensionati. L'attività artistica almeno biennale deve essere documentata tramite la presentazione di un curriculum vitae. Le persone richiedenti devono inoltre documentare di aver realizzato e presentato al pubblico, nei due anni precedenti, almeno due progetti (rappresentazioni, esposizioni, incontri d'autore, pubblicazioni di ogni genere) all'anno.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato