Contenuto sponsorizzato

Bonus alimentare 2021, oltre 2 milioni di euro per aiutare i più colpiti dalla pandemia. Ianeselli: "Creiamo un contesto per la ripartenza"

Dai 150 ai 500 euro per nucleo familiare. Questo l'aiuto che riceveranno le famiglie che hanno diritto al bonus alimentare. Le domande andranno presentate tra il 26 gennaio e il 10 febbraio attraverso il sistema informatico del comune

Di M.Sartori - 25 gennaio 2021 - 13:18

ENTO. “In questo momento per noi è importante dare segnali, ma siamo convinti che sia fondamentale creare il contesto necessario alla ripresa del nostro territorio” dichiara oggi il sindaco Ianeselli in conferenza stampa. Per creare contesto è necessario aiutare i membri della comunità che al momento si trovano più in difficoltà. Per questo è stato nuovamente istituito il bonus alimentare.

 

È stato infatti deciso con ordinanza del capo del dipartimento della protezione civile il pagamento di 400 milioni di euro alle regioni e alle province autonome per dare concreto aiuto ai cittadini più colpiti dalla pandemia. Alla provincia di Trento sono stati assegnati 2.941.569,59 euro, che sono poi stati redistribuiti tra i comuni previo incontro tra questi. Il consiglio delle autonomie ha infatti condiviso l’opportunità che le regole per l’accesso e l’elargizione del sussidio siano condivise e determinate, in maniera omogenea, da tutte le amministrazioni interessate, affinché la misura sia accessibile, a parità di condizioni, su tutto il territorio provinciale.

 

Si è quindi giunti alla determinazione dei seguenti requisiti perché i nuclei familiari residenti nel territorio possano accedere al bonus alimentare. In primo luogo chiunque voglia fare domanda deve avere meno di 1.500 euro tra risparmi e investimenti complessivamente posseduti dai membri del nucleo familiare al 31 dicembre 2020. Con risparmi e investimenti si intende la somma dei saldi attivi di conti correnti o postali e di carte prepagate oltre che ogni altra forma di risparmio e investimento.

 

Inoltre bisogna rientrare in uno dei seguenti casi:

 

Caso A: tutti i membri del nucleo familiare in età lavorativa e non inabili al lavoro si trovano, al momento di presentazione della domanda, in stato di disoccupazione e nessun membro del nucleo familiare ha percepito o avrà titolo di percepire, nel gennaio 2021, alcuna entrata per redditi da pensioni, di capitale, d’impresa, o diversi, oppure derivante dalla locazione o dall’affitto di immobili, conseguente a rapporti già esistenti al momento della domanda, oppure per ammortizzatori sociali o per prestazioni sociali finalizzate a contrastare situazioni di disagio economico, già concessi al momento della presentazione della domanda.

 

Caso B: nessun membro del nucleo familiare ha percepito, nel dicembre 2020, un’entrata per redditi di lavoro dipendente, da pensione, di lavoro autonomo, di capitale o d’impresa, per redditi diversi, oppure derivante dalla locazione o dall’affitto di immobili, oppure per ammortizzatori sociali o per prestazioni sociali, finalizzate a contrastare situazioni di disagio economico.

 

Se avanzeranno fondi dopo aver soddisfatto le richieste delle famiglie rientranti nei primi due casi, potranno accedere al bonus alimentare anche nuclei familiari in cui uno o più membri degli stessi siano titolari, al momento di presentazione della domanda, di prestazioni sociali finalizzate a contrastare situazioni di disagio economico.

 

L’importo ricevuto varia tra i 150 e i 500 euro a seconda della quantità di membri del nucleo familiare e verrà accreditato direttamente sul conto dei beneficiari. Le domande vanno presentate online dal 26 gennaio al 10 febbraio attraverso il sistema informatico già attivato in occasione del bonus alimentare 2020 e opportunamente adeguato da Trentino Digitale S.p.A., che lo ha messo a disposizione delle Comunità e dei Comuni di Trento e Rovereto. Il relativo link sarà presente sul sito del Comune.

 

Qualora vi fossero problemi con le modalità indicate i richiedenti potranno richiedere il supporto del comune attraverso il numero 0461-884883 (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12 e il giovedì anche dalle 14.30 alle 16). Per informazioni sono altresì contattabili i numeri 0461 / 884477 - 889960 - 889825 - 889940 - 889910 - 889880 - 884466. È inoltre possibile inviare un’email all’indirizzo bonusalimentare@comune.trento.it.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 15:03

Il sindaco di Pergine-Valsuagana contro chi non rispetta le regole anti-Covid: “Domenica ho ricevuto decine di chiamate, messaggi e video di cittadini per segnalare assembramenti di persone, molte senza mascherina, che dimostrano solo la mancanza di responsabilità nei confronti innanzitutto dei propri familiari anziani”

08 marzo - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 marzo - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato