Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Alpe Cimbra: ''Inizio di stagione amaro ma non restiamo fermi. Arriva la nazionale Usa''. C'è l'invito a stringersi come comunità per gli acquisti natalizi

E' un momento difficilissimo per le località del Trentino tra chiusura impianti e spostamenti bloccati nel cuore delle festività. Pronto un piano di comunicazione per far scoprire a residenti e trentini le bellezze e le opportunità dell'area: "L’Alpe Cimbra il tuo salotto in quota", il claim della campagna marketing

Di Luca Andreazza - 08 dicembre 2020 - 20:20

FOLGARIA. "Il nostro sistema economico di Folgaria, Lavarone e Luserna si basa in via quasi esclusiva sul turismo", queste le parole di Nicola Port, presidente dell'Azienda per il turismo Alpe Cimbra. "E' nostra responsabilità mettere in campo tutte le attività di marketing e di organizzazione per poter accogliere in gennaio i potenziali clienti nella massima sicurezza". 

 

E' un momento difficilissimo per le località turistiche del Trentino. L'ultimo Dpcm, come noto, dispone la chiusura degli impianti per gli sciatori amatoriali fino all'Epifania, così come un blocco degli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio. A questi si aggiungono ulteriori restrizioni per fronteggiare la diffusione dell'epidemia da Covid-19. Strette che assestano un colpo molto duro alle realtà che ruotano principalmente alle stazioni sciistiche. 

 

E l'Alpe Cimbra cerca di stringersi per far fronte a questo periodo delicato. Acceso l'albero di Natale in piazza, l'invito dell'amministrazione comunale è quello di acquistare nei negozi vicinato per sostenere l'economia della comunità, senza disperdere risorse per investirle sul territorio. "Lasciamo perdere gli acquisti online con i grandi player del momento - scrive il sindaco Michael Rech - valorizziamo un po' di sano spirito di orgoglio locale".

Nel frattempo sul lato sci, FolgariaSki e LavaroneSki procedono con la preparazione delle piste destinate agli allenamenti degli atleti. Il paesaggio è perfettamente invernale a seguito delle abbondanti nevicate di questi giorni. Lunedì prossimo è previsto l'arrivo della squadra americana Us Ski team per avviare la stagione sulla Skiarea dell'Alpe Cimbra, mentre sono in corso anche i preparativi per le tre giornate di gare Fis in calendario dal 14 al 16 dicembre sulla pista Salizzona. Confermata anche l’apertura dei due centri fondo di Passo Coe e Millegrobbe da sabato 12 dicembre.

"L’agonismo e le gare in questo momento - dice Daniela Vecchiato, direttrice dell'Apt Alpe Cimbra - ci permettono di non essere completamente fermi ma di prepararci ai più importanti appuntamenti già confermati per gennaio, due gare di Coppa Europa Maschile (22 e 23 gennaio) e l’Alpe Cimbra Fis Children Cup (25 e 30 gennaio). Le località si organizzano inoltre per un programma alternativo allo sci alpino tra ciaspole, sci di fondo e camminate sulla neve per coinvolgere i residenti e i trentini".

Nei prossimi giorni prende anche il via una campagna di comunicazione specifica sui media del Trentino per promuovere un ricco programma di attività outdoor. Anche in questo caso ci si rivolge principalmente ai trentini con lo slogan "L’Alpe Cimbra il tuo salotto in quota". Intanto le società impianti ritornano sull'apertura delle seggiovie per permettere gli allenamenti degli atleti di rilievo nazionale e internazionale, l'ipotesi è quella di accogliere in località almeno 500 ragazzi dei club (Qui articolo).

 

"Recentemente - spiega Alessandro Casti, amministratore delegato di FolgariaSki- sono stati sollevati dubbi e perplessità su questa azione. Le piste attualmente disponibili tra Lavarone e Folgaria consentono tracciature multiple (linee) distanziate. Un sistema di schedulazione per fascia oraria fissa di allenamento in modo da consentire la fruibilità delle linee in tutta sicurezza prevenendo possibilità di aggregazione. Si precisa inoltre che, ogni linea è solitamente utilizzata da agonisti di un singolo club e in numero compreso tra 20/25 atleti. Chiaro che l’impianto, completamente aperto e con una portata oraria di 2.200 persone, girerà a carico più che ridotto".

 

La società precisa che il planning degli allenamenti viene organizzato tenendo conto dei club richiedenti e, previa dichiarazione scritta dei nominativi accreditati dall’Associazione di appartenenza secondo la regolamentazione della Federazione italiana sport invernali.

 

"Sarà garantito il presidio sanitario - conclude Casti - con pattuglie specializzate al soccorso in pista con il supporto dell'associazione Fissa). Inoltre abbiamo sensibilizzato fortemente gli allenatori autorizzati a farsi carico di presidiare i comportamenti dei propri atleti anche fuori dal tracciato agonistico (unico autorizzato alla pratica dell’allenamento) per evitare qualsiasi situazione che possa mettere in pericolo la propria e l’altrui incolumità. Nel ribadire pertanto l’obbligo di utilizzo delle di mascherine e del mantenimento del distanziamento si ritiene che, l’apertura ridotta degli impianti è in linea con quanto previsto dal Dpcm e conforme alle disposizioni regolamentari della Fisi che le società sportive e gli allenatori sono tenuti a rispettare".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 4 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 agosto - 13:10
La piena dell'Adige delle ultime ore e la violenza dell'acqua hanno restituito moltissimi rifiuti che ora si trovano sugli argini del fiume assieme [...]
Cronaca
05 agosto - 13:49
Fra tecnici e vigili del fuoco sono entrati in azione circa 1.000 soccorritori per contrastare i danni da maltempo. Adige e Isarco in piena: “La [...]
Cronaca
05 agosto - 11:54
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Telve, le forze dell'ordine e gli ispettori dell'Oupsal. Il giovane è stato trasferito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato