Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la val di Sole: ''La App di Gardaland per gestire le code a impianti e rifugi. Pronti 6 nuovi itinerari per ciaspole e scialpinismo. Rafforzato anche il fondo''

La val di Sole punta molto anche sull'enogastronomia con il progetto Ciocomiti. La stagione è difficilissima ma l'Azienda per il turismo accelera l'entrata in funzione di alcune iniziative, il direttore Fabio Sacco: "Alcune attività più estive confezionate per l'inverno. Il territorio deve restare unito per reggere la crisi causata dall'epidemia"

Di Luca Andreazza - 04 dicembre 2020 - 22:59

MALE'. "I visitatori di questa stagione invernale saranno naturalmente ridotti tra la chiusura degli impianti fino a gennaio e il blocco della mobilità interregionale durante le feste". Queste le parole di Fabio Sacco, direttore dell'Azienda per il turismo val di Sole, che aggiunge: "Abbiamo comunque predisposto un interessante programma di esperienze e attività complementari alla pratica dello sci. C'è stata un'accelerazione di quei progetti già avviati oppure delineati in questo periodo".

 

Il nuovo Dpcm che definisce le regole per le festività di Natale e Capodanno è pronto. Confermata la chiusura degli impianti fino all'Epifania, così come un blocco degli spostamenti tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio. Provvedimenti presi per fronteggiare la diffusione di Covid-19 ma che assesta un colpo molto duro a quelle località che ruotano intorno alle stazioni sciistiche.

 

Nonostante le incertezze di risorse e riforme, quest'anno le Apt sono apparse brillanti e reattivi per cambiare i piani in corso d'opera, delineare strategie e diventare interlocutori primari del tessuto imprenditoriale. Ancora preso ancora di più in mano le redini del comparto per diventare un punto di riferimento per gli operatori dell'ambito. Tra le più frizzanti, c'è quella della val di Sole che non ha perso energie e spirito per lanciare iniziative e proposte, come la vacanza gratis per quel personale sanitario impegnato in prima linea in questi mesi difficili durante l'estate.

 

"L'apertura degli impianti è fondamentale per la nostra valle - aggiunge Sacco - però cerchiamo di mettere in campo tutte quelle azioni necessarie per affrontare nel miglior modo possibile un periodo evidentemente delicato e cercare di reggere l'urto causato dall'epidemia. Abbiamo continuato a investire per la parte dello sci alpino, ma anche per tutte le altre attività che rappresentano una chiusura del cerchio per quanto riguarda il nostro ampio ventaglio di offerte".

 

Gli sforzi sono concentrati molto sull'escursionismo. "Molto alta la richiesta per escursioni accompagnate. E' stata potenziata la rete dei sentieri in piena sinergia con le guide alpine e le amministrazioni comunali - prosegue il direttore dell'Apt val di Sole - quest'inverno lanciamo 6 nuovi itinerari battuti e segnalati. Percorsi unici per paesaggio e immersi nella natura adatti a tutti e che possono essere svolti seguendo le proprie passioni, compreso lo scialpinismo. C'è una richiesta molto elevata di informazioni e questo comunque è un segnale importante anche per gli operatori in questo momento particolare".

 

Particolare attenzione anche sul comparto nordico. "I due centri fondo di Vermiglio e Rabbi - evidenzia Sacco sono molto apprezzati e in particolare quest'ultimo è stato oggetto di un importante rinnovamento. C'è un rafforzamento anche di tutti i centri outdoor con i nostri numerosi partner specializzati. Alcuni prodotti sono molto apprezzati e ricercati d'estate, cerchiamo di dargli una confezione invernale come nel caso di Wow experience".

 

Si punta sull'enogastronomia, molta fiducia sul progetto Ciocomiti, iniziativa che si innesta sulla secolare tradizione dell’arte cioccolataia alpina con l’utilizzo delle migliori materie prime. L’attenta ricerca, l’esperienza e la manualità dell’artigianato si fondono con le tecnologie più all’avanguardia per creare dei prodotti unici. "Si parte dall'altissima qualità artigianale e dall’abbinamento con i sapori del territorio. Un ruolo importante - dice il direttore dell'Apt - viene poi giocato dai professionisti della montagna, dai rifugi e dagli esercenti per un'esperienza a 360 gradi"

 

Capitolo piste da sci. Non sono mancati gli investimenti per aumentare la sicurezza e la gestione delle criticità nelle stazioni sciistiche targate Dolomitisuperski, così come in quelle a marchio Skirama (compreso policy di rimborso in caso di lockdown), qui si vuole introdurre l'App "Qoda", quella utilizzata a Gardaland per capire i tempi di accesso alle strutture, gli impianti in questo caso. 

 

"La gestione delle code - continua Sacco - è fondamentale. Gli investimenti per evitare gli assembramenti e limitare le criticità sono veramente tante. L'attenzione è massima per la salute e la sicurezza sono due aspetti prioritari. Anche gli oltre 60 rifugi del Trentino si sono dotate di questa App per evitare un afflusso senza regole. Si valuta anche se aprire gli impianti un po' in anticipo rispetto agli inverni scorsi per una migliore fruizione e una pianificazione più attenta del deflusso di sciatori. I problemi maggiori sono alle partenze, agli arroccamenti e nell'avvicinarsi agli esercizi pubblici".

 

La val di Sole si è sempre di più orientata e legata ai temi della sostenibilità. L'anno scorso Pejo è diventata la prima ski area plastic free al mondo, c'è inoltre il progetto #Op2020 - Uno di un milione e tante altre attività.

 

"Ci sono poi progetti legati all'accessibilità alla montagna e alle piste per sciatori diversamente abili -  spiega il direttore dell'Azienda per il turismo val di Sole - così come tante altre iniziative green per una val di Sole sempre più sostenibile. Queste iniziative sono in stand-by in questo momento, però sono pronte a diventare azioni concrete appena possibile".

 

Il via libera a gennaio significa naturalmente perdere un periodo fulcro per il Trentino. Nel nuovo anno difficile poter contare sul mercato estero, in particolare Polonia Repubblica Ceca , mentre i turisti italiani sono sempre vincolati alle festività da calendario. Complicata anche la promozione. "Si segue l'esperienza maturata nel corso dell'estate. Attualmente è attiva una campagna molto soft - conclude Sacco - più per mantenere i rapporti e le relazioni con i clienti e i nostri partner. Si temporeggia per poi rafforzare i vari canali al momento opportuno: i messaggi vengono valutati praticamente in tempo reale e in base alla situazione epidemica".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Cultura
16 settembre - 20:50
Durante il periodo estivo il presidente del Centro di cultura fotografica di Trento, Adriano Frisanco, insieme alla sua équipe, ha raccolto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato