Contenuto sponsorizzato

Effetto scalpo, come realizzarlo e come portarlo con stile

Prima o poi tutti gli uomini perdono i capelli: chi prima e chi dopo, ma tocca a tutti. Anche se è dura ammettere che ormai “è andata” bisognerebbe essere razionali e riuscire a capire quando è il momento di lasciare, rasando i capelli a zero

Pubblicato il - 11 febbraio 2020 - 16:54

TRENTO. Prima o poi tutti gli uomini perdono i capelli: chi prima e chi dopo, ma tocca a tutti. Anche se è dura ammettere che ormai “è andata” bisognerebbe essere razionali e riuscire a capire quando è il momento di lasciare, rasando i capelli a zero. E' questo il cosiddetto effetto scalpo di cui qualcuno parla e che, addirittura, qualche giovane con tutti i suoi capelli sulla testa si fa, pur di essere alla moda.

 

Con questo ovviamente non si intende dire che la calvizie sia di moda, ma semplicemente che lo stile rasato a zero non sia oggi necessariamente calvizie. E' per questo che negli ultimi anni soprattutto non è più motivo di imbarazzo e che sono ormai pochi, fortunatamente, coloro che perdono autostima con la perdita dei capelli.

 

Perché radersi a zero i capelli? Perché è di moda, perché nasconde la calvizie, perché fa spesso sembrare più giovani, per evitare rattoppi, per non dover temere più pioggia, caldo o luce troppo diretta che mette in bella mostra il diradamento.

 

Come realizzare lo stile effetto scalpo

Che vogliate seguire la moda o che dobbiate rimediare alla caduta dei capelli: poco importa, la modalità con cui ci si rasa a zero il capo è sempre la stessa. Trattandosi di una zona sempre delicata è opportuno prestare molta attenzione per evitare di ferirsi o di irritare la cute. Qualcuno potrebbe dirvi che la prima volta è meglio andare dal barbiere, ma in realtà questo vale per definire le linee della barba più che per rasare la testa a zero. Essendo, appunto, “a zero” non c’è di certo il rischio di sbagliare qualcosa.

 

Per farsi l'effetto scalpo fai da te è possibile utilizzare un tagliacapelli che comprenda la funzione “a zero”, capace di dare lo stesso risultato che si avrebbe con una lametta. Di norma tutti preferiscono i rasoi elettrici rispetto alla lametta perché tutto risulta più semplice, quindi preciso, nonché rapido e meno pericoloso.

 

Di tagliacapelli ce ne sono un’infinità in ogni caso per una rasatura effetto scalpo bisognerebbe sceglierne uno che faccia un taglio netto al primo passaggio, senza così sfregare più del dovuto sulla pelle e non irritarsi. Questi apparecchi di solito per la rasatura a filo pelle lavorano senza pettine guida, che ha invece il compito di regolare la lunghezza del taglio. Le lame devono essere perfette e affilate: un solo passaggio deve infatti garantire il risultato.

 

Rasati a zero con stile? Punta sulla barba

Un modo strategico e anche alla moda per portare una testa bella rasata è puntare l’attenzione sulla barba. Lo stile che si richiama è quello un po’ hipster, quindi se si aggiusta anche un po’ il look in quella direzione, ancora meglio, ma non è cosa strettamente necessaria.

 

La barba è molto di moda negli ultimi tempi e non è un caso se la stanno portando tanti divi di Hollywood e cantanti famosi. Di fronte ad un uomo con una barba curata e ad un outfit di stile i capelli passano sicuramente in secondo piano. La barba, oltretutto, sta bene davvero un po’ a tutti, e indipendentemente dalla tipologia di volto che si ha rende le persone decisamente più attraenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato