Contenuto sponsorizzato

Il Bartender trentino che ha inventato un drink ispirato al film di Aldo, Giovanni e Giacomo: “Ho voluto reinterpretare un grande classico intramontabile”

La passione per il bartending nata a Malta, lo studio da autodidatta e la passione coltivata nel tempo che dopo tanta gavetta ha portato Andrea Pomo ad essere assunto al The Jerry Thomas Speakeasy di Roma fra i 50 migliori cocktail bar al mondo: “Con il mio Bubbles Negroni ho voluto reinterpretare un grande classico intramontabile”

Andrea Pomo, foto di Alberto Blasetti
Di Tiziano Grottolo - 25 febbraio 2020 - 13:28

ROMA. Andrea Pomo è un rivano doc, nato e cresciuto sulle sponde del Lago di Garda, con una grande passione: quella per il bartending. Non chiamatelo barista però perché i bartender rientra fra quelle figure specializzate nella creazione di cocktail utilizzando tecniche moderne, “all’americana” si potrebbe dire visto che è dagli Stati Uniti che questa professione si è evoluta fino ad arrivare in tutta Europa. Se mai vi fosse capitato di imbattervi in un bartender ve ne saresti sicuramente accorti dal momento che per preparare un drink spesso vengono utilizzate tecniche molto spettacolari.

 

“La mia passione per il bartending è iniziata a Malta in un bar all'interno di una scuola di inglese – racconta Pomo – in principio ho studiato da autodidatta guardando i tutorial online per imparare a mescolare le bevande”. Un giorno gli capitò di guardare un video dove i quattro proprietari del locale romano “The Jerry Thomas Speakeasy” raccontavano la loro storia, fu in quel momento che scattò il colpo di fulmine e il giovane decise che sarebbe diventato un bartender, seguendo le orme del “The Jerry Thomas Speakeasy”, un locale che incrocerà nuovamente sulla sua strada.

 

 

Nel mezzo della carriera di Andrea ci sono due soggiorni in Francia e Spagna, dove la sua passione continua a crescere, poi il ritorno sul Lago di Garda dove inizia a lavorare per alcune strutture alberghiere, fino a quando nel 2015 inizia a lavorare al RivaBar, un cocktail bar di alta qualità di Riva del Garda. Nel 2015 Andrea entra nella top 10 di MartiniGranPrix, mentre l'anno successivo arriva sul podio dei primi quattro dell’AppletonEstateCompetition.

 

Nel 2018 Andrea è stato selezionato come nuovo barista proprio dal The Jerry Thomas Project, il locale che lo aveva fatto appassionare a questo lavoro e uno fra i 50 migliori cocktail bar al mondo. È proprio nel locale romano che il giovane trentino ha dato vita al suo drink il “Bubbles Negroni” bevanda che si ispira all’ultimo film di Aldo, Giovanni e Giacomo “Odio l'estate”.

 

 

“Loro tre sono i miei comici preferiti e nel film chiamano il loro anziano regista perché vogliono recuperare la vecchia alchimia e ne viene fuori un lungometraggio spontaneo, un vero proprio twist on classic. Ecco, la mia reinterpretazione del Negroni si basa proprio su questo – spiega Pomo – ho voluto reinterpretare un grande classico intramontabile, il Fenomeno Italiano”.

 

Il Negroni è stato scelto anche perché tre sono gli ingredienti che lo compongono “come tre sono i comici che hanno creato a la loro volta una comicità unica – sottolinea il bartender – drink è una semplice rivisitazione del Negroni che si basa sul terroir e la stagione durante la quale è stato ambientato il film, l'estate”.

 

INGREDIENTI BUBBLES NEGRONI:

45 ml Crocodile Gin

30 ml Vermouth Del Professore Classico

25 ml Bitter Del Professore

45 ml infuso Lemon Grey (tè nero a base di pompelmo e limone)

7.5 ml succo di melograno chiarificato

2 drops di soluzione salina

1 scorza di pompelmo

 

Bicchiere: Collins

Garnish: peel di pompelmo

 

PREPARAZIONE:

Miscelare tutti gli ingredienti, tranne la scorza di pompelmo e raffreddare fin quasi al punto di congelamento. Applicare la carbonatazione a 2.9 bar di pressione. Versare in un bicchiere collins ghiacciato con ghiaccio chunk e spremere la scorza di pompelmo sopra il drink.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato