Contenuto sponsorizzato

Il grido d'allarme della Pro loco: ''Siamo senza una sede, difficile andare avanti''. L'ente locale ai tempi del Covid-19: ''Il budget per gli eventi donati in beneficenza''

La Pro loco di Ala è rimasta senza una sede. Un'ulteriore criticità operativa per l'ente, già costretto a cancellare le iniziative in agenda a causa dell'emergenza coronavirus. Il presidente Stefano Gaiga: "Il Comune ha trovato una prima soluzione ma auspichiamo che il problema si possa risolvere in tempi rapidi"

Di L.A. - 26 maggio 2020 - 21:28

ALA. "Siamo in mezzo a una strada, credo che così non possiamo andare avanti. Speriamo si possa risolvere a breve termine, la Pro loco è di tutta la comunità". Questo il grido d'allarme della Pro loco di Ala per l'assenza di una sede. "La proprietà che gestisce l'edificio ha ceduto l'immobile. Il Comune è subito intervenuto e ci ha messo a disposizione un magazzino provvisorio per conservare i materiali".

 

Un'ulteriore criticità operativa per l'ente, già costretto a cancellare le iniziative in agenda a causa dell'emergenza coronavirus. "Ringraziamo la cooperativa di Avio - commenta Stefano Gaiga, presidente della Pro loco di Ala - per aver messo a disposizione a titolo gratuito gli spazi, ora però per la cessione dell'immobile non abbiamo una sede. L'amministrazione ha trovato una prima soluzione. I rapporti sono buoni e comprendiamo le difficoltà di questo momento ma auspichiamo una risoluzione rapida e definitiva per quanto riguarda questo problema che mette a rischio l'intera operatività".

 

Ferme le attività, le manifestazioni sono state cancellate a causa dell'emergenza Covid-19 e per cercare di contenere la diffusione dell'epidemia. Le incertezze sono tante e difficile capire quando le iniziative possono riprendere. "Lavoriamo da casa e ci confrontiamo ancora a distanza per la programmazione ma naturalmente è difficile stimare i tempi di ripartenza".

 

Intanto l'ente locale si è messo a disposizione della comunità. "Le risorse accantonate per organizzare le attività sono state devolute a favore del tessuto sociale. Abbiamo destinato 500 euro all'Apss tramite la Federazione delle Pro loco, mentre altri 1.000 euro sono stati girati alla Stella d'oro per sostenere l'ambito territoriale. Cerchiamo di restare uniti per superare questo momento complicato per tutti", conclude Gaiga.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 06:01

Dei Comuni con oltre 10mila abitanti solo Riva del Garda e Arco rientrano nella graduatoria di Failoni (ma con coefficienti molto bassi). Fra i territori “ad elevata intensità turistica” anche cinque Comuni con meno di 300 residenti. Pattini: “Tione con una manciata di camere d’albergo è diventata città turistica mentre Trento con oltre 1,2 milioni di presenze no, questi sono i miracoli di Fugatti”

03 luglio - 18:34

Nuova ordinanza del presidente del Trentino che allenta ulteriormente le restrizioni anche per lo sport e l'accesso al cibo in mense e strutture turistiche. Ecco quali sono le regole da rispettare

03 luglio - 18:51

Oltre ai 5 nuovi positivi che fanno parte degli 8 legati alla festa della comunità kosovara del 21 giugno c'è un altro positivo nell'aggiornamento quotidiano dei dati dell'Apss

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato